calendario con data e orologio



Net-Parade

Migliori Siti

LETTORI FISSI

lunedì 13 febbraio 2012

UNA BELLA STORIA, FAVOLA! OPPURE! UNA STORIA VERAMENTE VISSUTA!

Siamo nel tema dei ricordi, non riuscendo dormire questa notte mi sono ricordato che la mamma
a noi bambini ci raccontava una storia non ricordo però se fosse una favola oppure vera, eccola.
un certo Giuseppe (bepi) una mattina se mise il sacco in spalla pieno di grano per andare al mulino per farlo macinare il mulino si trovava a circa 5 km, di distanza, lungo il viaggio parecchia gente la guardava con sguardo strano, quasi arrivato al mulino incontra il suo compare, e gli chiede, hai il tuo asino ammalato? no lui rispose, il compare gli  disse perché non sei venuto con l'asino? Accidenti mi sono dimenticato di prenderlo!
Senza riflettere si girò e ritornò indietro lungo la strada tutti si chiedevano ma cosa fa bepi  questa mattina.
Dopo quasi arrivato trova la comare e gli chiede, cosa fai con il sacco del grano in spalla, vado prendere l'asino che poi me lo porta al mulino...
Non so come chiamarla questa storia ma la ricordo molto bene, spero vi sia piaciuta.

      Tomaso

94 commenti:

  1. Avrebbero potuto farci un filmino Stanlio & Ollio con questa storiella. ahah
    Buona giornata Tomaso
    enrico

    RispondiElimina
  2. Sai caro Enrico che anche ora quando la ricordo mi viene da ridere.
    Nostra madre la raccontava sempre quando eravamo tutti intorno al camino per scaldarsi dal fuoco.
    Buona settimana amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ciao Tomaso, sono dei flash i ricordi che ci ritornano in mente, di volta in volta, piccoli aneddoti simpatici, questa storiella e' divertente,grazie per averla condivisa, comincio anch'io bene la giornata.) ciao buona settimana rosa a presto

    RispondiElimina
  4. Buona settimana Tomaso.
    Grazie per aver raccontato questa storiella.

    RispondiElimina
  5. Che tonto Bepì ! Dai, non può essere esistito realmente uno così ! Sarebbe come ai giorni nostri uno che deve andare a lavorare e si dimentica la macchina. :-))))))))))

    RispondiElimina
  6. Ah, ah, divertente!!!
    Buona settimana Tomaso!

    RispondiElimina
  7. Ciao cara Giusy di esserci anche oggi. Buona settimana amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  8. Ciao cara Rosa, certo che certe storielle che ci raccontavano i nostri vecchi erano sempre divertenti. Buona settimana amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  9. Cara Robby il sorriso fa sempre bene.
    Buona settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  10. Cara Chiara rammento bene quando la raccontava, dico la verità noi tutti credevamo tutto quello che ci diceva la nostra cara mamma.
    Ciao e grazie della visita.
    Tomaso

    RispondiElimina
  11. Si cara Adriana molto ma molto divertente, se veramente fosse accaduto sarebbe il colmo.
    Buona settimana anche a te.
    Tomaso

    RispondiElimina
  12. che buffa storia! grazie tomaso perché condividi sempre parte della tua vita e dei tuoi ricordi!
    Baci Baci

    RispondiElimina
  13. Ahahahah!Carina... :-)
    Ciao e buona settimana!

    RispondiElimina
  14. Molto carina, mi ha fatto sorridere e come si dice da noi sorridere il lunedi porta bene per sette dì!! buon inizio settimana

    RispondiElimina
  15. Carinissima storia caro zio !!
    Buon inizio settimana!! :)

    Baciotti by Pixia!! :)

    RispondiElimina
  16. Ciao cara Elena è veramente buffa ma credo che mia mamma dicesse la verità e che questo bepì fosse così.
    Buona Settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  17. Si Cara Claudia sorridere fa sempre bene. Ciao e a presto rileggerti.
    Tomaso

    RispondiElimina
  18. Modna carissima mi fa piacere averti portato un sorriso così a lungo.
    Buona settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  19. Ciao cara nipote grazie della tua sempre gradita visita.
    Zio Tomaso

    RispondiElimina
  20. Caro Tomaso, ma sai che la conosco questa storia... me la raccontava mio nonno...quello del braciere... ma c'è un seguito... se vuoi te la completo.
    Buona settimana

    RispondiElimina
  21. Cara Zicin penso che queste belle storie un tempo era per far divertire i propri bambini, oggi usano ben altri sistemi con dei cstosissimi regali.
    Ciao con un abbraccio cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  22. Che belli questi racconti fanno sorridere troppo forte!!
    Un'abbraccio buona settimana Anna

    RispondiElimina
  23. Cara Anna i nostri vecchi. Genitori facevano di tuttoper farci sentire felici ogni cosa per vederci sorridere.
    Ciao con un abbraccio cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  24. Che bel ricordo, caro Tomaso.
    Ora mi hai fatto sorridere pure tu.
    Baci

    RispondiElimina
  25. Bellissime queste storie popolari di quando riuscivamo a fare due risate con storielle semplici.

    RispondiElimina
  26. la storiella è divertente e come tutte le favole insegna qualcosa... ad essere più attenti e logici quando si fanno le cose, vero???
    e la notte cerca di dormire... è vero che poi ti vengono in mente queste belle storie da condividere con noi, però magari è meglio per tutti se ti sovvengono di giorno :-)))
    quindi ti auguro di trascorrere delle sereni notti!!

    RispondiElimina
  27. Bella storia, o favola...comunque grazie per renderci partecipi dei tuoi ricordi.
    Clara

    RispondiElimina
  28. una volta bastava poco per far sorridere, vero?
    buona settimana, caro Tomaso

    RispondiElimina
  29. Cara Gianna mi fa sempre piacere far sorridere gli altri.
    Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  30. Caro amico Holyriver la vita è fatta anche per sorridere, è forse quella cosa necessaria per star bene.
    Buona serata caro nuovo amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  31. Cara Rita tu mi hai capito perfettamente, io normalmente dormo molto bene, solo se mi capita per caso di ricordare qualcosa di nuovo non riesco dormi credo che se mi capitasse ancora la soluzione è di alzarmi e scrivere un appunto così poi dormirei tranquillamente perché so che lo ricorderò.
    Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  32. Cara Clara è sempre un grande piacere vederti qui da me, sapere poi che sorridi anche tu di queste storielle è un premio per me.
    Tomaso

    RispondiElimina
  33. Detto bene cara Giglio una volta quando non avevamo niente eravamo sempre contenti con qualche storiella
    era veramente un piacere sorridere.
    Tomaso

    RispondiElimina
  34. E' veramente divertente, ma mi sembra più una bella favola piuttosto che vita vissuta!

    RispondiElimina
  35. a me ha ricordato una barzelletta...sai quella che dice"Ti accompagno a casa e poi tu accompagni me!"

    Buona serata

    RispondiElimina
  36. Cara Ambra quel strano racconto celo faceva spesso specialmente quando avevamo faccene non céra niente da mangiare, avvali risultato doppio si rideva e si dimenticava per un pó che avevamo fame.
    Tomaso

    RispondiElimina
  37. Per noi cara Lucia non era per niente una barzelletta ma qualcosa per distrarci, per noi bambini era dura la fame.
    Tomaso

    RispondiElimina
  38. Ciao Lu, "io accompagno a casa te poi tu accompagni me" è verità in quanto fanno così gli ubriachi :-)))))))

    RispondiElimina
  39. A noi credo che volessero i nostri genitori a distrarsi e farci solo sorridere cara Chiara.
    Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  40. Simpatica questa storia Tomaso! Chissà perché ogni tanto nella nostra mente riaffiorano storie, racconti o semplicemente attimi della nostra vita!
    Ti auguro un buona notte!
    Miky

    RispondiElimina
  41. Cara Miky arrivati a una età avanzata i ricordi d'infanzia ritornano con più facilità.
    Ciao e buona serata amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  42. Passo ad augurarti un buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
  43. Grazie Cavaliere altrettanto a te,.
    Tomaso

    RispondiElimina
  44. Che bello e interessante il tuo blog, caro Tomaso, verrò spesso a trovarti.

    RispondiElimina
  45. ciao Tomaso l'o sentita raccontare Anch'io dalla mamma penso sia vera,
    ciao buona notte.

    RispondiElimina
  46. Che sia vera o no, è una storiella simpatica e divertente.

    RispondiElimina
  47. Com'era grande la saggezza popolare di un tempo! Che quella storia a quella appartiene di diritto. E quanta cutura emanava. Ma ci si pensa che al giorno d'oggi un linguaggio figurato come quello di questo apologo della tua mamma la maggior parte delle persone, rintontite dalla televisione commerciale, non lo comprende più neanche lontanamente?

    RispondiElimina
  48. C'è sempre qualcuno si erge, gli altri osservano e si fanno condizionare.
    Ho inteso questo nella storiella :-)

    RispondiElimina
  49. Mi unisco al commento di Adriano. Dietro questo tuo racconto c'è tanto da imparare, seguendo un leggero e sottile filo che conduce il senso logico.Inoltre s'intravvede e si respira un'aria di semplicità, di povertà ma di grande saggezza anche se per tanti popolare. Mi sembra di udire lo scoppiettio del camino che si mescola alle parole che escono dalla voce di tua madre e voi bambini che silenziosi ascoltate cercando di immaginarvi la scena. Grazie Tomaso e buona settimana anche a te.

    RispondiElimina
  50. Che ridere Tomaso, divertente storiella.
    Un bacio e un caro saluto, buon San Valentino!

    RispondiElimina
  51. Che storiella simaptica per comincare la giornata col sorriso :)
    Un abbraccio Tomasi, buona giornata

    RispondiElimina
  52. Mi raccontava una storia simile mia madre ;)
    Buona giornata caro tomaso

    RispondiElimina
  53. Buon giorno caro Oreste, oppure forse è meglio dire Don Oreste!
    mi a veramente fotto piacere avere un nuovo amico e più sapere che è un sacerdote, come avrai visto qui sul mio blog ho incominciato a raccontare le mia vita che è stata difficile ma che in fondo sono stato premiato. Ho dato uno sguardo al tuo bel blog e ci proverò a scrivere qualche commento, il mio blog-roll è molto ricco e non sempre riesco a seguire tutti.
    Buon San Valentino caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  54. Caro Tiziano quando noi eravamo tristi per qualcosa che non si poteva avere sapeva distrarci sempre per far dimenticare tante volte perfino la fame, sta tranquillo la nostra mamma ci sta guardando dal celo e sicuramente lei sta vedendoci contenti pure lei lo sarà.
    Un abbraccio cara fratello.
    Tomaso

    RispondiElimina
  55. È quello che penso anche io cara Krilù, importante far sorridere il sorriso è sempre una bella cosa, si dice addirittura che fa bene alla salute, buona giornata, abbracci.
    Tomaso

    RispondiElimina
  56. Detto bene caro Adriano, la TV con i suoi stupidi e banali programmi sta dimostrando che non sa come fare per distruggere la vita rovinando la vera ragione di essere a questo mondo. Buona giornata amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  57. Storielle che un tempo erano necessarie per non pensare alla fame per farci un po' sorridere.
    In quei tempi la vita era veramente dura, ma forse eravamo più felici.
    Buona giornata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  58. Cara Sabrina, leggendo le tue parole hai veramente creato l'atmosfera che regnava attorno a quel grande camino.
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  59. Cara Gabriela era questa la ragione di mia mamma farci sempre sorridere in tutte le situazioni.
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  60. Ciao cara Federica quante cose ho imparato dalla cara mamma sapeva far dimenticare le cose brutte attorno a lei si stava sempre con il sorriso.
    Buona giornata amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  61. Cara Luby che bello vederti spero che tutto vada bene.
    Le nostre care mamme ci hanno insegnato che la vita è sempre bella.
    Tomaso

    RispondiElimina
  62. Ma sai che mio suocero la conosce questa storia? Però molti nn sanno cosa sia il compare...forse è un termine delle nostre zone...perchè spesse volte l'ho usato, ma sempre me ne hanno chiesto il significato...
    Buona giornata dai quasi piedi del Montello!
    Cinzia

    RispondiElimina
  63. Cara Cinzia, dimmi un po' avete neve li da voi e fa molto freddo!
    Parlando di compare è il nome che si usava dare al testimone di nozze oppure al padrino del figlio sia di battesimo che di cresima, non so però se oggi si usa ancora.
    I nostri vecchi sapevano inventare tante storielle per tenerci sempre allegri anche se non avevamo niente.
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  64. Ciao Caro Tomaso, tanti auguri a te e alla tua dolce metà per un San Valentino colmo di Amore:)))

    RispondiElimina
  65. Cara Viola ecco una cosa che non la vedo molto bene! intanto ti ringrazio degli auguri di San Valentino, poi ti dirò che bisognerebbe ricordare che San Valentino è solo un giorno e bisogna fare in modo che gli innamorati ogni giorni si ricordino quanto amore debbono dare, solo così ogni giorno sarà San Valentino.
    Sarebbe bello non ti pare!
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  66. A quel tempo ci si divertiva con poco! Semplicemente così!

    RispondiElimina
  67. Detto bene caro Pino con queste storielle tante volte era la cena, ma eravamo sempre felici e sorridenti. Buona serata amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  68. ... che graziosa questa storia... ancora tanti auguri di un buon S. Valentino.
    Chiara&Germano

    RispondiElimina
  69. Carissimi Chiara e Germano mi fa piacere vedere che vi sia piaciuta questa vecchi storia.
    Contraccambio gli auguri di San Valentino augurandovi buona serata.
    Tomaso

    RispondiElimina
  70. Che divertente,questa storia....Buon San Valentino caro nonnetto....buona vita e grazie per il commento per me e' sempre un piacere!!!!!Raffaella

    RispondiElimina
  71. Grazie cara Raffaella della tua sempre gradita visita, e pure del caro nonnetto sei un tesoro.
    Buona vita pure a te cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  72. che bell storia..le storie della mamma sono sempre crediili (anche se di fantasia) :-)))
    ciaooo Tomaso caro..come stai? ti sei rimesso bene?

    RispondiElimina
  73. Con un sorriso e con affetto ricambio l'augurio che mi hai lasciato.. che sia ogni giorno S.Valentino... per chi si ama è proprio così! Un abbraccio

    RispondiElimina
  74. Cara Carla, dici bene le mamma per distrarre i bambini quando vorrebbero quello che non è possibile avere, ci sanno far ridere così si è sempre felici.
    Per conto di me non mi posso lamentare, con sempre delle sorprese della neve siamo sempre chiusi in casa.
    Ciao e a presto cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  75. Vedo cara Paola che mi hai capito perfettamente cosa intendevo dire.
    La vita passa in fretta cerchiamo di passarla sempre felici.
    Tomaso

    RispondiElimina
  76. Direi che questa storia mi rammenta che debbo pensare prima di agire...
    sai quanti sforzi inutili mi risparmierei?...
    da quanto è emerso nello scorrere del racconto, tutti osservano e nessuno tende la mano per aiutare...
    "chi fa da sè, fa per tre" , mi diceva la mia Mamma...
    sereno divenire a Te, in Gioie Condivise..
    un Sorriso..
    dandelìon

    RispondiElimina
  77. Cara Dandelion é sempre bello vederti qui, come hai visto le nostre mamma hanno sempre dei buoni motivi di inventare delle storielle per distrarci e riempirci il cuore di tante fantasie per farci sorridere, io credo che sia una pura invenzione questa storia.
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  78. Bravo Tomaso che ci tiene sempre allegri.

    RispondiElimina
  79. Caro Fernando con quello che sta succedendo per salvare l'Italia ne viene una meglio dell'altra per questo è meglio sorridere.
    Tomaso

    RispondiElimina
  80. Buongiorno, caro Tomaso, grazie della visita e grazie per questa bella storia divertente... Leggo sempre con interesse e curiosità i tuoi racconti d'altri tempi, hanno sempre un grande fascino...
    Per quanto riguarda il candy, non è il compleanno del mio blog, il mio ne festeggerà 4 a marzo, peccato che non ho avuto il tempo e la voglia di organizzare qualcosa, ma non è detto che non sia ancor ain tempo.. magari un candy lampo... Vedremo. Una serena giornata, Angela

    RispondiElimina
  81. Cara Angela ma fa piacere vederti qui come vedi io cerco di tenere tutti allegri, una risata fa sempre bene. buona giornata amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  82. Caro Tomaso, sei una vera miniera di tesori, inesauribili...
    Ho letto con molto piacere ciò che ha scritto di te il professor Todero, per come ti conosco è la pura verità!

    Un forte abbraccio caro amico, a presto.

    RispondiElimina
  83. Troppo carina questa storia, Tomaso!!! Mi è piaciuta parecchio anche quella delle mele di due post fa! Buona giornata, Clara.

    RispondiElimina
  84. Mi fa piacere caro Leonardo che tu abbia letto tutto questo è veramente la verità il tempo che rimanevo in vacanza li e quasi troppo stressante,
    me nonostante era bello.
    Tomaso

    RispondiElimina
  85. Cara Clara fa sempre piacere avere una tua visita, un abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  86. Una storia che coniuga la saggezza dei nostri vecchi ed il nostro desiderio di tornare indietro nel tempo.

    RispondiElimina
  87. Caro Costantino i nostri vecchi ci hanno insegnato tanto, la loro capacità era quella di farci sempre ridere anche quando mancava il piatto di minestra in tavola.
    Buona giornata amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  88. Ciao Nonnetto,cosa stai facendo di bello??????Io sono passata per un saluto....tra poco andro' a prendere le bambine in palestra....fa molto freddo,ma oggi c'e' stato un bel sole,che ha colorato di bianco florescente la neve sul Vesuvio....un bellissimo spettacolo....
    Un abbraccio virtuale e buona notte!!!!!!Raffaella

    RispondiElimina
  89. Cara Raffaella grazie della tua gradita visita.
    Per conto cosa faccio sono un po' arrabbiato con le solite polemiche che stanno rovinando il nostro caro festival della canzone italiana, proprio adesso ho fatto un post che ricorda quando San Remo era veramente San Remo!
    Un abbraccio forte cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  90. Semplice storiella...raccontata a bambini ma che diletta anche gli adulti...un modo comunque di insegnare a diventare più grandi e più furbi.
    Baci.

    RispondiElimina
  91. Cara Arianna che piacere vederti qui, come vedi le storielle ci hanno fatto crescere, che sia inventata e che fosse vera non a nessuna importanza ci a fatto maturare nella vita che sempre no è facile.
    Buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  92. Scusa Tomaso, ero convinta di essermi aggiunta, eccomi di corsa.

    RispondiElimina
  93. Cara Chicca lo ho notato ora, vedo che hai guardato un'altro mio post, qui da me credo che troverai tante cose molto curiose, se hai del tempo per conoscermi meglio ci sono i capitoli della mia vita.
    Ciao e buona giornata amica.
    Tomaso

    RispondiElimina

Benvenuti qui cari amici e amiche, se poi volete lasciare anche solo un saluto, sarà sempre molto gradito.