calendario con data e orologio



Net-Parade

Migliori Siti

LETTORI FISSI

sabato 24 aprile 2010

25 APRILE 1945 IO CERO

Buon giorno amici e amiche, Il 25 Aprile è un giorno veramente speciale, io che il 25 aprile 1945 avevo 15 anni lo vissuto intensamente, chi non cera non potrà mai capire cosa vuol dire la fine di un incubo, ( leggete la mia vita) li forse capirete cosa intendo dire. Non voglio allungarmi oltre. Un forte abbraccio a tutti/e. Tomaso

10 commenti:

  1. Io non c'ero caro Tomaso, ma ciò che mi è stato detto da coloro che le vissero (genitori, parenti, persone conosciute personalmente) mi sono rimaste talmente impresse che le ho fatte mie.
    Libertà e democrazia, valori per i quali morirono in tanti, sono gli stessi valori che si devono difendere oggi, quiandi non è possibile dimenticarli!

    Buona domenica.

    RispondiElimina
  2. non possiamo che immaginare soltanto e sperare che nel mondo il rispetto e l'amore per il prossimo prevalgano su tutto.
    buona domenica
    Lella

    RispondiElimina
  3. Buon giorno caro Sirio, come vedi sono qui molto presto, leggendo ieri fra le poesie e lettere di tanti che hanno perso la vita in quella tragica guerra fratricida, questa notte è stato un incubo, mi vedevo ragazzo ,che con terrore aspettavo cosa sarebbe successo a me e alla mia famiglia, ricordi che non si possono descrivere, penso solo che non ritornino più...
    Buona domenica caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Buon giorno anche a te cara Lella,
    Hai detto bene si può solo immaginare...
    Speriamo che nessuno possa avere dei
    ricordi che senza accorgerti li rivivi se anche solo in sogni
    Buona domenica anche a te cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Hai ragione Tomaso.
    Solo chi ha provato, sa realmente quanto di mostruoso accadde...

    RispondiElimina
  6. Tommaso, si solo chi ha provato sa cosa vuole dire.
    Io c'ero e non solo c'ero, ma la mia città è rimasta per nove mesi sotto cannonate, bombardamenti e crimini di ogni tipo perchè proprio sul confine della Linea Gotica.
    Ricordo il giorno in cui Massa è stata liberata: era il 10 aprile. Eravamo fuggiti in montagna e la città da lassù si vedeva come annebbiata, era invasa dalle bombe fumogene. Eravamo io e la mia mamma in cima ad una scarpata che guardavamo e la mia mamma mi stava facendo le trecce e piangeva perchè aveva sentito suonare le campane dopo tanti mesi di silenzio.
    Le chiesi il perchè del suo pianto e lei mi disse: "Piango perchè è finita la guerra".
    Ciao Tommaso,
    auguri per questa giornata così importante per la Libertà.
    Bruna

    RispondiElimina
  7. Ciao cara Bruna ho gli occhi arrossati e gonfi. no capisco perché quest'anno mi sia ritornato quel incubo atroce, forse è vero che a una certa età le cose di ieri si dimenticano ma ritornano quelle di quei momenti di oltre 65 anni fa
    Vedi cara Bruna io ho dei ricordi personali del 44 se vai sulle etichette della mia vita, il quarto capitolo parla proprio di un episodio che senza volere io ero coinvolto.
    Buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  8. Buon giorno cara Stella, ti ringrazio della tua sempre presenza anche in questo momento per me difficile, spero che domani mi senta meglio.
    Un abbraccio forte Tomaso

    RispondiElimina
  9. Caro Tomaso, il tuo ricordo essenziale è più eloquente di tante parole vuote trite e ritrite...Un abbraccio. Pino

    RispondiElimina
  10. Ciao Pino, grazie della tua sempre gradita visita, caro amico...

    RispondiElimina

Benvenuti qui cari amici e amiche, se poi volete lasciare anche solo un saluto, sarà sempre molto gradito.