SEGUI QUESTO BLOG

Net-Parade

Migliori Siti

mercoledì 17 dicembre 2014

RICORDANDO LE FESTE DELL'ANNO, NATALE, CAPODANNO E PASQUA

Grazie a Natale al mio giorno di riposo
Grazie nuovo anno, al mio giorno di riposo

Leggete bene sottostante e capirete 
il perché delle frasi del mio riposo!!!

Carissimi amici e amiche mi è venuto in mente qualche cosa che nel mio libro non lo ho scritto, ora voglio un po raccontarvi qualcosa che parla proprio di Natale e Capodanno.
Come ho sempre detto che da giovane facevo il garzone panettiere.
In quel tempo il panificio non conosceva mai riposo, cioè anche alla domenica per me era giorno di lavoro, e purtroppo causa di questo non andavo mai alla santa messa, il perché era chiaro in quelle ore ero a cavallo del bicicletta che portavo il pane nei punti vendita, la massa passava in secondo piano e andavo solo quando era al pomeririggio.
Ecco perché voglio scrivere tutto questo, solo 3 volte all'anno il panificio chiudeva, cioè Natale, capodanno e Pasqua.
Erano giorni difficili si doveva lavora per due giorni continui per fare in modo che la scorta di pane fosse abbastanza per il giorno chiuso. Ecco dove voglio arrivare era il giorno che potevo andare in chiesa per la Santa messa, naturalmente felice e contento partivo da casa una bella ora prima camminando lungo la strada, parecchie donne e conoscenti mi fermavano e mi invitavano per offrirmi un bicchierino di grappa, erano tempi freddi e la grappa era quella che ci teneva un po di caldo, alla fine arrivavo in chiesa molto felice e mi avevo bevuto 2-3 bicchierini di grappa fino qui tutto normale,  ma siccome non ero abituato all'alcol mi mettevo in un banco, come tutti gli altri, chi conosce i banchi in chiesa anno il posto per sedersi e pure per ginocchiarsi, per i primi dieci minuti mi sentivo bene poi piano piano il malore allo stomaco mi attanagliava, e tutto incomincia a girare per fortuna il mio stomaco era forte e non mi faceva mai rimettere, la storia continua che io ancora chiaro di mente, mi mettevo in ginocchio e con le braccia abbracciavo la parte superiore del banco e mi tenevo forte li.
Questo durava per tutto il periodo della messa, tutto girava mi sembrava di essere in un giro che tutto andava girando, la mia mente mi diceva però, tieni duro che il banco non si muove.
Finito la messa io non mi sentivo sicuro di alzarli perciò rimanevo sempre in ginocchio con le braccia bene agganciate,  fino che non mi sentivo che potevo bene camminare.
Più tardi raccontai alla gente incuriosita per il modo che mi ero comportato, quando gli raccontai la ragione fu una grande risata.
Ricordo tutto questo che mi aveva dato veramente la gioia di vivere serenamente pensando solo che tutto questo era necessario per aiutare la nostra amata famiglia.
Come tutti sapete non sono uno che sa scrivere bene e punteggiare tutto, ma spero che voi tutti mi abbiate capito.

Ora vi lascio con un abbraccio forte e sentito, dal vostro per sempre amico che con tutti voi è felice.

venerdì 12 dicembre 2014

CONTINUA QUEL CLIMA DI UNA VERA ATMOSFERA DI NATALE

OGGI PASSANDO DA UN CERTRO
COMMERCIALE HO VISTO QUESTO!
Per tutti voi ripeto l'augurio di un vero
Santo Natale

video
passiamo a quella canzone che
Fausto Leali interpreta divinamente

Sperando che anche questo post dedicato 
al Santo Natale vi lascio un forte e sentito
abbraccio dal vostro sempre amico

martedì 9 dicembre 2014

DICEMBRE IL 12° MESE E LE POESIE


Carissimi amici e amiche, rispolverando
i vecchi post ho trovato questo,
credo che vi faccia piacere rivederlo,
siamo andando verso Natale, 
queste poesie ci portano il clima
vero di Natale

Dicembre

Io sono Dicembre vecchietto vecchietto,
l’ultimo figlio dell’anno che muore.
Ma quando nasce Gesù benedetto
Reco nel mondo la festa d’amore.
Porto col ceppo che allieta i camini
I bei regali ai bambini piccini

Neve

Neve bella, fatta a stella,
bianca neve, lieve lieve
vieni in mano,
piano piano:
sei per poco dolce gioco,
dolce gioco in mille fiocchi
che mi frullano
sotto gli occhi

Nevicata

Le casette stupefatte sono bianche come il latte.
Tutto è bianco monte e valle…
è un diluvio di farfalle.
Lungo i tetti,
sopra i rami
che merletti, che ricami!
Che stupore per gli uccelli!
Ca cappucci per gli ombrelli.

Natale

Gesù Bambino è nato
Gli Angeli blu l’hanno portato
Nella povera capanna,
bello, biondo e ricciolino
benedice ogni bambino
ed ascolta con amore
la preghiera del suo amore

A Gesù bambino

Caro Gesù buon compleanno!
Voglio farti un regalo quest’anno,
insieme a mamma e papà
voglio donare un po’ di bontà a tanta gente,
ma soprattutto a chi non ha niente.
A chi non ha niente per poter mangiare,
a chi non ha niente per poter amare.

La cometa

La stella cometa in alto lassù,
illumina la grotta del piccolo Gesù.
Vanno da lui Signori e pastori
Portano i doni e gli offrono i cuori.

La befana

Bambini chiudete gli occhietti
Che già la befana cammina sui tetti!
Cammina col sacco imbottito
Di dolci e giocattoli belli,
capito?
Ma guai se vi sente parlare!
La vecchia borbotta, la fate scappare!
Se invece vi vede dormire,
pian piano le calze comincia a riempire.
E quando verrà l’indomani, 
 con stupore e candore alzeranno le mani.
Sperando che le abbiate gradite,
vi auguro un buon fine settimana,
con il mio tipico abbraccio forte. 
Trovate nel web 

Spero che queste poesie vi avvicinano
ancora di più al Santo Natale
vi lascio un forte abbraccio 
dal vostro sempre amico

domenica 7 dicembre 2014

SFILATA DI ALBERI DI NATALE PER VOI

CARISSIMI AMICI E AMICHE.
iniziamo la settimana guardando
una serie di alberi di Natale
sempre con più fantasia.
copiati dal web



questo soprastante non lo era di Gubbio
IL VERO ALBERO DI BUBBIO ECCOLO










Buon divertimento con un sorriso.
Vi auguro un buon inizia di settimana,
dal vostro sempre amico.

giovedì 4 dicembre 2014

OGGI VI VOGLIO PARLARE DI COME SONO OGGI LE NOSTRE BELLE ORCHIDEE

Da parecchi tempo non vi parlavo delle
nostre orchidee, se ricordate l'ultimo post
ne avevo parlato un po in negativo,
oggi vi posso fare vedere come si trovano
ora, che piano piano stanno germogliando.
il video sotto stante vedete la finestra
come è ora, poi vedrete le foto che ho fatto
video
il sottofondo è la televisione che andava
ecco la prima che ha iniziato
abbiamo seguito lo sviluppo giorno per giorno
ecco il risultato
guardate sottostante le altre
 sembrano svegliate dal letargo
 una dopo l'altra anno iniziato il nuovo gambo
 anche quelle che non speravamo più
 questa si pensava di eliminarla e eccola 
 ora con pazienza noi sappiamo aspettare
Ora sia io che la mia dolce metà le vediamo
nuovamente crescere e vedremo la fioritura
una dopo l'altra.
Vi lascio con un abbraccio forte forte 
il vostro sempre amico!