calendario con data e orologio



Net-Parade

Migliori Siti

LETTORI FISSI

sabato 19 novembre 2011

CREDO CHE SIA ORA CHE RACCONTO UNA STORIA VISSUTA

Carissimi amici e amiche, questa notte non riuscivo a riaddormentarmi, stando assopito ho ricordato un episodio. Ora provo a raccontarlo, eravamo nel 1938- 39, la nostra zona venne colpita da una disastrosa grandinata, la campagna era distrutta e non poté raccogliere il frutto dei poveri contadini, fu un periodo molto difficile, ma come sempre le idee si fanno avanti, in quei tempi la produzione delle castagne era grande cosi venne l'idea di raccogliere tante castagne, il più possibile e pensare che c'era la possibilità di scambiarle con altri prodotti alimentari. Iniziò come una gara, si cercava di organizzare dei gruppi di 3 o 4 persone le quali con un carretto tirato a mano partivano e andavano a oltre 60 - 80 Km. nelle zone dove il tempo non aveva distrutto la produzione dei cereali, cioè grano e frumento, ricordo con precisione che io avevo 8 anni ma ne dimostravo di più per la mia robustezza, era proprio il periodo della vacanze scolastiche. Cosi anche io feci parte di un gruppo, con una bicicletta andavo avanti e cercavo della grandi famiglie di contadini per vedere si si sarebbero interessati a questo scambio, castagne scambiate con grano turco e frumento, poi ritornavo indietro per dare spiegazioni quale casa di contadini aveva interesse. La mia storia è che un giorno io bucai una ruota della bicicletta, mi fermai per trovare un posto dove me l'avrebbero riparata. Purtroppo ci siamo persi di vista, io mi trovai lontano da casa e non sapevo casa fare, girovagai pensando di ritrovarli, fu cosi che alla sera mentre incominciava a fare buio andai in una famiglia e gli raccontai quanto era successo, non potrò mai dimenticare ciò che una mamma feci per me, mi feci dormire con suo figlio di 6 anni. Alla mattina mi mise di nuovo in cerca degli altri tre quelli del carretto, in una piazza di un paese che si chiamava Chiarano, che chiedevano se svessero visto un bambino con una bicicletta, fu un momento bello loro mi abbracciarono contenti che fosse finita così. È proprio vero che quando si invecchia i vecchi ricordi ritornato quando meno te li aspetti. La cartina qui sottostante segnata in rosso è la zona colpita della grande gradinata mentre quella in verde è la zona che andavamo per scambiare le castagne in frumento e grano turco. È veramente bello oggi ricordare questi episodi vissuti. Un forte e sentito abbraccio a tutti/e. Il vostro affezionato Tomaso

78 commenti:

  1. Buongiorno Tomaso,
    che bellissimo racconto.
    sapere che è una storia vera lo rende ancora più bello.
    Una volta, forse c'era più povertà di adesso ma la bontà d'animo non mancava come oggi.
    Un ragazzino che si perde, lo si accoglie in casa e l'indomani si ritrovano i familiari...Bellissimo
    Grazie per averlo condiviso con noi.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  2. Davvero un bel racconto, caro Tomaso. I ricordi sono strani, spesso ti tornano addosso quando meno te l'aspetti...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Ciao caro Tomaso, talvolta i ricordi lontani riemergono all'improvviso chiari e nitidi.
    Una bella storia che ha avuto fortunatamente un lieto fine !!!
    Ti auguro un buon fine settimana e grazie per il tuo gradito commento...
    Francesca

    RispondiElimina
  4. sto pensando a come era diversa la civiltà di allora... a come si mandava da solo un bimbo così piccolo

    oggi non è possibile... i bimbi non vanno mai persi d'occhio... bisogna sempre sapere dove sono e con chi

    bellissimo ricordo

    grazie per averlo condiviso Tomaso

    RispondiElimina
  5. hai avuto una vita piena Tomaso,tente racconti ,anedoti,tanti ricordi.
    Belli.
    Chissà che spavento per te e la tua famiglia e per fortuna hai trovato qualcuno che si è preso cura di te.
    Buon sabato

    RispondiElimina
  6. Ciao caro fratello mi ricordo che la Mamma ogni tanto la raccontava, e di quanta paura anno preso non vederti arrivare quella sera, i giovani d'oggi non è che non sono capaci di fare certe cose, ha loro non interessa anzi ha sentire queste storie ridono, e questo è colpa del troppo benessere che anno potuto avere, un forte abbraccio,
    buona domenica.

    Tiziano.

    RispondiElimina
  7. Cara Francesca, vedi sono ricordi di quei tempi dove la poverta' ci faceva ricchi di cuore dove che con niente eravamo contenti, cio' che abbiamo vissuto ci a insegnato tanto, per questo dico sempre che la vita e' bella.
    Tomaso

    RispondiElimina
  8. Si cara Irene i ricordi vagamente mi ritornano solo nelle notti con un po' di difficoltà mi vengono più chiari, questo per esempio era già da tempo che lo volevo scrivere.
    Ciao con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  9. Francesca cara dici bene a quei tempi molte cose si faceva che oggi sembrano strane, allora c'era più fiducia nella gente.
    Grazie della tua gradita visita.
    Tomaso

    RispondiElimina
  10. Cara Vale io non ero solo fra quei altri tre c'era una signora molto amica della mamma fu solo il caso che per un giorno ci divise, il mio compito era che andavo avanti per un paio di ore e poi ritornavo a dire in quale famiglie interessavo lo scambio, sai è sempre difficile capire certe cose strane di allora.
    Buon fine settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  11. Cara Lucia penso che il mio angelo custode mi abbia sempre protetto.
    Ciao e buon fine settimana, amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  12. Lo so che la mamma raccontava questo solo per farvi capire che dieci anni prima era ancora più dura la sopravvivenza.
    Ciao Tiziano buon fine settimana.
    Tomaso

    RispondiElimina
  13. Tomaso, amico mio, grazie per averci fatto vivere questa storia, e soprattutto, per averci ricordato che una volta gli essere viventi avevano una caratteristica che si chiamava "umanità".

    RispondiElimina
  14. Grazie a te caro Vincenzo, la vita ci mette e ci a messo di fronte tante difficoltà che non è sempre facile risolvere i problemi che la vita ci pone, questo scorcio di vita è una realtà del mio passato.
    Buona serata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  15. Ciao caro tomaso..la tua storia è molto bella ed ha un lieto fine.Bisogna ricordare le cose belle e le persone dal cuore grande senza mai dimenticare che un giorno potremo a nostra volta fare qualcosa per qualcuno.Basta lasciare aperta la porta del cuore!!Ti auguro un lieto fine settimana..a presto!!

    RispondiElimina
  16. Un bellissimo racconto di vita vera.E' bello avere questi ricordi da portarsi nel cuore.E la grande solideraietà che c'era una volta dove tutti erano pronti a darsi una mano in caso di bisogno.Bello davvero bello
    Un abbraccio
    Pinuccia

    RispondiElimina
  17. Qyesta tua stiria la terro' a mente . Voglio raccontarla un giorno ai miei figli. Gli raccontero' di wuando le persone aiutavano altre persone senza pretendere nulla in cambio. Forse avevate poco in fini msteriali ma di certo avevate cuore.

    RispondiElimina
  18. E nessuno ha pensato ad una sparizione a causa di qualche maniaco,scommetto.
    Tempi duri quelli, ma meno violenti penso.
    Mi piace quando racconti questi fatti del passato.
    Cristiana

    RispondiElimina
  19. Cara magica zucca mi ha fatto veramente piacere la tua visita questi miei ricordi fanno capire che ci vuole poco per essere felici, quando nei cuori c è posto per aiutare coloro che ne hanno bisogno.
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  20. Ciao cara Pinuccia è bello vederti qui che guardi questi miei ricordi di un duro passato ma che ci a fatto tanto imparare.
    Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  21. Luby carissima mi fa piacere sentire che questo racconto lo vuoi raccontare hai tuoi figli è giusto che lo sentano perché oggi purtroppo le madri non raccontano questi episodi di una vita difficile ma sempre affrontata con serenità
    Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  22. Grazie per il tuo gentile commento! Leggo spesso con piacere i tuoi racconti!Anche se spesso non ho il tempo di commentare!

    Cosa mi metto???

    RispondiElimina
  23. Ciao cara cristiana, erano tempi che la gente non aveva il tempo di pensare alle strane abitudini del giorno d'oggi.
    Grazie cara amica di esserci.
    Tomaso

    RispondiElimina
  24. Grazie a te cara Fabrizia che immagino che il tuo lavoro ti tanga molto occupata e nonostante questo hai trovato il tempo per questo gradito tuo commento.
    Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  25. Grazie per aver condiviso con noi questa tua storia.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  26. Grazie per aver condiviso con noi questo scorcio della tua vita... sembra impossibile che in così pochi anni il mondo sia totalmente cambiato!!!
    Mi verrebbe da dire, a chi si lamenta di vivere un periodo "duro", di leggere questo tuo post... oggi si ha anche troppe cose ma quanto manca la ricchezza del cuore di quel periodo?
    Tante serene giornate
    nonnAnna

    RispondiElimina
  27. ciao Tomaso
    leggere i tuoi racconti di vita è sempre bellissimo.

    RispondiElimina
  28. Che emozione leggere questi racconti di vita vissuta!
    Quando puoi raccontane ancora! mi sembra come se ascoltassi i miei genitori.
    Grazie, grazie di cuore, un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  29. Grazie a te caro Cavaliere della tua gradita vista.
    Tomaso

    RispondiElimina
  30. Cara nonna Anna il mondo è strano i giovani di oggi hanno tutto e non lo sanno, per questo cercano tante cose che li rovina.
    Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  31. Grazie cara Robby il tuo parere mi piace il tuo passaggio qui per me è un piacere, buona serata amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  32. Giglio carissimo avrei molti episodi di vere rinunce per poter soppravivere, è stato duro, ciò che ho raccontato nei miei episodi ci sono quelli della tragica seconda guerra mondiale, oggi mi posso dire fortunato di essere qui a dirlo.
    Buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  33. Che incredibili avventure ... :) piacevolossimo il tuo racconto ! Grazie Tomaso :)

    RispondiElimina
  34. Grazie a te cara Sabina della tua gradita visita.
    Buona domenica amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  35. Una storia molto interessante ed istruttiva, specie per i giovani.
    Un saluto e a presto, amico mio.

    RispondiElimina
  36. Ciao amico guardiano è sempre un piacere vederti qui da me.
    Buona notte.
    Tomaso

    RispondiElimina
  37. una volta c'era una grande solidarietà è questo che oggi secondo me si sente la mancanza

    RispondiElimina
  38. bella storia Tomaso,ricca di solidarietà,ma come sarebbe stato comodo per i tuoi avere un telefono,chissà che preoccupazione,un abbraccio

    RispondiElimina
  39. Tomaso, una storia molto bella.....quanto sarebbe bello che tra l'umanità ci fosse più amore e condivisione invece ogni circostanza ci dimostra che ognuno pensa solo a se stesso
    Buona domenica

    RispondiElimina
  40. Caro Tomaso un bellissimo ricordo e un esempio di generosità di questa mamma.

    Guarda il mondo con occhi nuovi! Colora la tua giornata d’ottimismo! Tutto dipende dal modo in cui affronti le piccole cose della vita. Puoi cambiare la prospettiva, sempre. Solo Tu puoi decidere se essere davvero Felice!
    Anton Vanligt, Mai troppo folle

    RispondiElimina
  41. Caro Carmine il benessere a fatto dimenticare tante cose, oggi si vuole sempre di più.
    Tomaso

    RispondiElimina
  42. Cara Gabe i miei genitori lo hanno saputo quando siamo ritornati di questa mia notte passata non con gli altri tre cioè una donna e due uomini
    mia mamma aveva fiducia ceca dei tre che erano con me, fra andare in quelle zone cercare lo scambio e ritornare ci vole sempre trai 3- 4 giorni, oggi queste cose nessuno se le sognano, buona domenica amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  43. Cara Simona, la cosa che a cambiato tutti è la ricchezza che ha troppo non pensa a che non a niente.
    La società moderna è questa.
    buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  44. Cara Mirta la felicità non è la ricchezza anzi la ricchezza diventa ben presto egoismo.
    Ci vuole molto poco per essere felici. Buona domenica amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  45. Tomaso, sei stato felice...e la povertà ha contribuito.
    Quante persone solidali e di buon cuore c'erano un tempo...

    Chissà che spavento per i tuoi cari e... non c'era il cellulare per avvertirli che eri in buone mani.

    Abbraccio amico carissimo!

    RispondiElimina
  46. Cara Gianna erano altri tempi i poveri di allora sapevano con poco o niente per essere felici.
    Buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  47. che bella idea quella dello scambio! nelle difficoltà è bene vedere che le persone si uniscano e cerchino delle soluzioni!
    e che tenerezza questa storia! ti hanno accolto a casa loro senza conoscerti!
    baci Baci

    RispondiElimina
  48. Noi tutti abbiamo una intelligenza che in ogni situazione bisogna saperla usare.
    Non tutti possono immaginare che cosa sia una difficile esistenza, bisogna averla provata per capire perfettamente, la solidarietà.
    Buona domenica cara Elena.
    Tomaso

    RispondiElimina
  49. Mi hai fatto tornare alla mente racconti analoghi di lunghi viaggi a piedi durante l'ultima guerra dalla mia zona al Piemonte - attraverso le montagne - per scambiare olio con frumento ed altri generi ...

    RispondiElimina
  50. Certo cara Adriano la vita ci riserva sempre delle sorprese come questo mio post che rammenta dei tempi duri. Il bello è chi si possono raccontare... viva la vita.
    Buona settimana caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  51. ciao Tomaso una buona domenica sera e buona settimana.

    RispondiElimina
  52. Buona settimana anche a te cara Robby
    per ora ti do la buona notte, sai i bambini e i vecchi vanno presto a nanna. un abbraccio forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
  53. Ma che bel racconto caro Tomaso. I ricordi tornano in superfice quando me ce lo aspettiamo per dirci qualcosa...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  54. Quando non si dorme la notte, alle volte ci ritornano in mente cose non troppo belle, mentre tu hai rivissuto un momento bello della tua vita visto che, poi, ha avuto un lieto fine. Erano tempi in cui la gente era ancora generosa e non esistevano i telefonini per avvertire i parenti. Oggi infatti questa avventura non potrebbe aver luogo. Un colpo di telefono e via. Ciao Tomaso e buonanotte.

    RispondiElimina
  55. Tomaso,
    grazie di esistere...le tue storie sono sempre così cariche di UMANITA' che commuovono e rendono fieri d'esserti amici...

    Un abbraccio enorme!

    M@ddy

    RispondiElimina
  56. I tuoi ricordi mi commuovono sempre!!!

    RispondiElimina
  57. Buona settimana cara Miky, dici bene certi ricordi ritornato specialmente nella vecchiaia, e sono così chiari come fossero avvenuti ieri.
    Ciao con un abbraccio forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
  58. Caro Elio la tua è una verità che oggi è tutto cambiato, io sono felice di poterlo raccontare ciò significa che ancora ci sono.
    Buona settimana caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  59. Grazie cara Maddy, voglio però dirti che pure io sono fiero di esserti amico tuo.
    Buona settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  60. Cara Elettra vorrei saper fare di meglio per raccontare per bene questi ricordi che sono racchiusi dentro di me, oggi mi ritornano più chiari che mai.
    Buona settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  61. Ciao caro Tomaso,quanti bei ricordi, è vero a quei tempi era diverso eravamo piu' poveri ma un gran cuore.un abbraccio e ti auguro una felice settimana.
    nonna di Sara gianna.

    RispondiElimina
  62. Tomaso, bellissimo il tuo nuovo cursore! ciao

    RispondiElimina
  63. Grazie per aver condiviso questo lontano ricordo!!
    Un abbraccio, amico mio.

    RispondiElimina
  64. Un post veramente bellissimo pieno di sensazioni vere. I ricordi spesso si sbiadiscono ma l'intensità di certe esperienze diventa inchiostro indelebile della nostra personalità. Grazie per tutto ciò che esprimi

    RispondiElimina
  65. Sempre efficaci e feschi come avvenuti ieri i tuoi ricordid'infanzia! Bravo Tomaso e complimenti per tutte le belle cose tecnologihe che hai inserito nel tuo blog, freccia pesonalizzata compresa:-))

    RispondiElimina
  66. Cara nonna di Sara possiamo dirlo forte, se eravamo poveri ma ricchi di generosità versi che aveva bisogno
    con niente avevamo tutto...
    Un abbraccio cara nonna Gianna.
    Tomaso

    RispondiElimina
  67. Grazie cara Simona lo hai già notato
    la cara Elena me lo ha fatto in fretta, è veramente una amica.
    Ciao e buona serata.
    Tomaso

    RispondiElimina
  68. Nicola carissimo, era già da tempo che lo volevo fare, ma come saprai certi ricordi vengono chiari quando qualcosa ti impedisci di dormire.
    Buona settimana caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  69. Cara Sabrina che piacere vedere che pure te ci sei in questi ricordi che ora sono chiarissimi dentro di me.
    Buona settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  70. Ciao caro Pino prima di tutto ti ringrazio di esserci su questo post di un ricordo, vissuto, poi posso dirti che il mio blog si è fatto sempre più tecnologico con l'aiuto dei tanti amici e amiche che sono sempre pronte e rapide farlo,
    la cara Elena graphics in poche ore mo lo a fatto arrivare html subito,
    buona settimana amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  71. Buongiorno Tomaso,
    se avessi avuto il telefonino non sarebbe successo!!!
    A parte gli scherzi, ho letto con interesse il tuo racconto molto bello, chissà che pensiero la tua famiglia non vedendoti tornare, gentile la signora che ti ha dato ospitalità facendoti dormire in camera con il figlioletto ma credo che qualsiasi mamma lo avrebbe fatto.
    Un caro saluto :D Gabry

    RispondiElimina
  72. Cara Gabry, mi fa piacere vederti qui su questo post, è una storia vissuta che ora con la vecchiaia si affaccia hai tanti ricordi. Grazie cara amica di esserci sempre.
    Tomaso

    RispondiElimina
  73. caro Tomaso
    son sempre bellissimi i tuoi racconti e molto nostalgici.
    Mi viene spontanea una considerazione fra ciò che facevano una volta i bambini,privati spesso del loro diritto a giocare e ad essere sereni ma pieni di responsabilità verso la famiglia e/o i fratelli più piccoli e come invece sono adesso.
    Non credi siano forse un pò troppo coccolati al punto tale che trovano difficoltà a superare autonomamente i primi ostacoli nel momento in cui si presentano?
    Non era bello prima,ma secondo te è meglio adesso?Non è che abbiamo saltato qualche passaggio?
    un abbraccio
    Lella

    RispondiElimina
  74. Ciao cara Lella, vedi una volta i genitori ci insegnavano molte cose buone e giuste, la cosa importante che ci avevano trasmesso la lealtà e il rispetto per gli altri, come avrai capito la mia mamma aveva ciecamente fiducia di me e sapeva che io sapevo risolvere anche dei problemi più grandi di me.
    Grazie del tuo bel commento amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  75. Ciao Tomaso. Un racconto bellissimo il tuo.

    RispondiElimina
  76. Cara Ambra mi hai fatto tanto piacere che anche tu faccia partecipe a questo mio ricordo, è una storia vissuta di altri tempi.
    Ciao e a presto.
    Tomaso

    RispondiElimina
  77. Grazie per aver condiviso con noi una parte importante della tua vita....molti giovani dovrebbere leggere queste righe per capire i valori della vita.
    Un'abbraccio Clara

    RispondiElimina
  78. Grazie cara Clara della tua presenza su questo mio racconto vissuto, oggi molti giovani rideranno se leggono una storia simile, già la poro vita è troppo facile e agiata oggi.
    Ciao e buona giornata amica.
    Tomaso

    RispondiElimina

Benvenuti qui cari amici e amiche, se poi volete lasciare anche solo un saluto, sarà sempre molto gradito.