calendario con data e orologio



Net-Parade

Migliori Siti

LETTORI FISSI

domenica 28 dicembre 2008

Ora credo che è ora che incominci capitolo 1

Voglio iniziare con ciò che ricordo

Capitolo I

Sono nato l’otto settembre 1930 da genitori poveri, ma con tanto orgoglio. Mio padre era del 1892 e mia madre del 1898. Io ero il penultimo di cinque figli.
Mio padre era un emigrante e tutti gli anni, in primavera, partiva per cercare lavoro. Andava in Francia, Germania, oppure in qualche località italiana dove era possibile trovarlo.
Quando avevo cinque o sei anni vedevo mio padre che alla fine di febbraio preparava le valige. Mia madre, con le lacrime agli occhi, gli raccomandava di stare attento perché il suo lavoro poteva essere pericoloso. Era manovale, ma si trovava anche in situazioni di rischio quando lavorava nelle gallerie ed esse franavano all’improvviso. Ricordo che quando lo accompagnavo alla corriera lo vedevo mascherare il dolore di dover lasciare la famiglia.
Nella piazza dove sostava la corriera erano in tanti che partivano, tutti con lo stesso problema: la sopravvivenza delle loro famiglie. La nostra era una zona di forte emigrazione, l’ottanta per cento degli uomini emigrava per lavoro stagionale.
La zona di cui parlo si trova ai piedi dei colli dei grandi vigneti del prosecco. Eravamo orgogliosi di chiamare quella località “Quartiere del Piave”. Infatti, dal mio paese natio alle sponde del Piave, ci sono circa tre chilometri. Dal 1915 al 1918 l’area che ho detto fu teatro della prima guerra mondiale. Mio padre ci partecipò come soldato. Lui era un vecchio fante. La nostra vita era piena di stenti, le donne aspettavano quel po’ di denaro che i mariti potevano spedirgli, facendo i lavori più svariati. Questi emigranti erano la spina dorsale dell’economia del paese. I loro lavori erano sempre molto faticosi. Ogni anno puntualmente qualcuno ci rimetteva la pelle e la comunità faceva rimpatriare la salma dello sfortunato emigrante a proprie spese.
La vita continuava sempre onestamente. Ricordo che, quando incominciai la scuola elementare, eravamo tutti contenti. Era l’epoca del fascismo ed entrai a far parte dei “Figli della Lupa”. Ad ogni piccola ricorrenza politica o istituzionale, si indossava un cinturone al ventre a forma di X sul davanti. Al centro, una grande M stava ad indicare Mussolini. Passò del tempo e a nove anni divenni Balilla, cambiando completamente la divisa: camicia nera con copricapo che rappresentava il littorio, tipico stemma del fascismo.
Nel 1940, con l’inizio della seconda guerra mondiale, cominciarono i grandi problemi per l’Italia.
Continua



23 commenti:

  1. è un pezzo prezioso questo.. la tua vita... è bello conoscere come sei cresciuto e cosa facevi.. questo è il primo capitolo ed è bellissimo... io ci sarò sempre qui in attesa degli altri capitoli per scoprire ciò che tu nascondevi finora..^^

    ti faccio i miei auguriiiii... e IN BOCCA AL LUPO o meglio SUERTEEEE per l'inizio del blog...

    RispondiElimina
  2. Grazie cara Vane il primo commento è stato il tuo sarà forse di buon auspicio! avrai già notato ho fatto qualche peccola modifica.
    Un forte abbraccio
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. è stata una giusta e bella modifica ora è ancora più bello questo spazio... ^^

    notte caro Tomaso^^

    RispondiElimina
  4. Tomaso complimenti...

    Hai cominciato un bel viaggio con tanto da insegnarci.

    Persevera persevera,ti seguirò con affetto.

    Grazie!

    RispondiElimina
  5. Pensi proprio che posso continuare? oro un pò perplesso ma a pensarci bene non ho nulla da perdere. tutti sapete che le mie capacita nel scrivere sono un po' scarse comunque grazie cara Stella

    RispondiElimina
  6. Anche io approvo che tu continui a scrivere, è bello leggere la storia raccontata da chi l'ha vissuta in prima persona...ciao ciao giò

    RispondiElimina
  7. Non potete immaginare quanto stimolo mi date sentire che ci siete e che apprezzate quanto provo a ricordare ciò che ho vissuto.
    Purtroppo ci saranno racconti molto amari, scrivendoli mi riportano a quei momenti di vita molto dura.
    Grazie della visita cara farfallina,
    tu mi alleggerisci il compito,
    Tomaso

    RispondiElimina
  8. ecco tom!
    qui raconterai a tutto il mondo chi tu sia e l'immenso tesoro che hai nel cuore e che io ho avuto l'onore di vedere dal vivo.
    continua così tom continua sei tutti noi! un sorriso,
    Luca.

    RispondiElimina
  9. Grazie Luca della tua visita.
    Se ora mi sento che posso fare tante cose devo dire grazie anche a te.

    Un caro saluto carissimo amico,
    Tomaso

    RispondiElimina
  10. La tua è una testimonianza preziosa Tomaso,la vita vissuta in prima persona è sempre e comunque un libro aperto della TUA Storia,un testo unico e irripetibile.
    Mi "prenoto " già da adesso a fare parte dei tuoi lettori,dai che vai forte!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  11. Grazie Sirio della tue belle parole che ai espresso sul mio blog che ho voluto provare le vostre visite mi dicono di continuare, ed è quello che farò un caro saluto,
    Tomaso

    RispondiElimina
  12. Mi sembra di stare ad aprire un romanzo.
    Ti vorrei adottare come nonno,posso osare?

    RispondiElimina
  13. queste prime righe di quelli che sono stati tanti capitoli, e che cercherò di leggere pian piano, sono di una dolcezza infinita...ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  14. sembra ieri che avevi scritto questo post e son passati ormai tre anni,e bello che to ripubblichi di nuovo questi post prima di tutto perchè sono racconti dal vero e chi a quel tempo non ti conosceva ha il modo di apprezzare i tuoi racconti ciao,
    un forte abbraccio.

    Tiziano.

    RispondiElimina
  15. Buon compleanno al tuo interessante blog.
    Affascinata e commossa mi sento leggendo la tua storia di vita, Tomaso. Racconti in modo semplice, ma le tue parole hanno la carica emozionale del proprio vissuto, trasmetti.
    Molto bello questo tuo primo post. Un caldo abbraccio.

    RispondiElimina
  16. Cara Gabriela mi fa piacere sentire che ti è piaciuto il mio primo capitolo della mia vita, spero che troverai il tempo di leggere gli altri 11 capitoli restanti perché credo lo meritino.
    Tomaso

    RispondiElimina
  17. Tre anni fa non ti conoscevo, sono contento di aver letto questo tuo vecchio post che apre una finestra sulla vita di quel periodo.
    Un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  18. Grazie caro Enrico, credo che ora hai iniziato non puoi fare a meno di leggere gli altri 11 capitoli c é tante cose da vedere come era la vita in quie difficili. Tempi.
    Buona notte caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  19. Eccomi al primo, coinvolgente capitolo sulla stira della tua vita, Tomaso. Un viaggio che arricchisce l'anima. Grazie di cuore!
    Maria Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grazie a te cara Maria Grazia, è veramente un piacere vedere una nuova amica, credo che tu ora che hai iniziato con un po di pazienza potrai conoscermi meglio.
      Credo che dovresti scaricarti il mio libro in forma PDF così saprai tutto di me.
      Un Grazie infinita e un abbraccio forte.
      Tomaso

      Elimina
  20. Ho letto il primo capitolo. E' molto bello il racconto di quei tempi difficili. Mi sembra di sentire mio papà. Anche a lui piace raccontare la sua infanzia, la sua giovinezza, tutto quello che ha realizzato nella vita. E anche se a volte ripete gli stessi racconti, perché la memoria gli fa ormai qualche scherzo, noi figlie e i nipoti non lo interrompiamo mai. Io non mi stanco mai di sentirlo. E così facevo quando avevo ancora mio nonno. Lui era stato in un campo di concentramento e aveva scritto un diario di quel periodo.
    Tornerò a leggere gli altri capitoli. Intanto mi iscrivo tra i followers.
    Un abbraccio,
    Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Rosa, che piacere sentire che ai letto il mio primo capitolo del mio libro,brava, li ogni capitolo spiega come eravamo in quei difficili anni della guerra, non ti dico altro solo di continuare ci saranno racconti vissuti e spesso non belli!!!
      Grazie ancora cara nuova amica, con un abbraccio e un sorriso.
      Tomaso

      Elimina

Benvenuti qui cari amici e amiche, se poi volete lasciare anche solo un saluto, sarà sempre molto gradito.