calendario con data e orologio



i tre gadget sopra


LETTORI FISSI

Net Parade

Migliori Siti

lunedì 25 maggio 2020

IL PASSATO, QUALCOSA RIMASTO NELLO SCRIGNO DEL CUORE

Carissimi tutti come vedete oggi vi voglio far vedere un pezzo del passato.

Carissimi amici e amiche, oggi vi voglio stupire, vi faccio vedere cosa

avevo scritto in un vecchio post, so che rimarrete un po stupiti ma è realtà


IL VESTITO DELLA PRIMA COMUNIONE

BUON GIORNO AMICI ED AMICHE.

Oggi mi sento in vena di raccontarvi una semplice storia.


Siamo negli anni difficili per tutti, 1937 - 1940, in un piccolo paese che vive a stento; il 90% degli uomini sono emigrati stagionali.


Una massaia per sbarcare il lunario cerca in tutti i modi di guadagnare qualche lira per i suoi cinque figli, facendo la lavandaia per i soldati alloggiati nei vecchi edifici delle scuole. 


La massaia lavava e stirava, utilizzando ed ogni minuto per il benessere della famiglia.


In quel periodo le scarpe costavano molto e i soldi non erano mai abbastanza.


Un giorno vidi quella signora con un vecchio copertone di bicicletta in mano, a un tratto chiamò uno dei bambini e gli misurò la pianta del piedino e con un vecchio coltello ben affilato ritagliò dei pezzi a forma di piedi; rimasi sorpreso quando vidi che stava lavorando con della vecchia tela di canapa e altri strani ritagli.


Due giorni dopo erano nati un paio di sandali. Fu una cosa geniale per tutta la famiglia, ne confezionò un paio, erano molto leggeri e ci si camminava comodamente.

Le voci si sparsero in fretta ed in paese tutti ne parlavano. Ogni giorno andavano a chiedere alla signora se poteva farne anche per loro e le portavano vecchie stoffe di tutti i tipi. 

La signora andò da un vecchio calzolaio e gli chiese se poteva avere una vecchia forma di ferro, quella dove si appoggiano le scarpe per ripararle. 

Il calzolaio guardò nel suo magazzino e le regalò uno di quei ferri. Ricordo come fosse ieri che la donna era felice. 

Aveva trasformato la piccola stanza dove viveva in un vero laboratorio pieno di forme e misure varie di piedi. 

Non aveva mai tempo per riposare; quel lavoro le dava una certa sicurezza per i suoi cinque figli.

Un giorno arrivò una signora considerata in paese una persona benestante, portò un pacco con della stoffa e disse: - Maria, guarda se con questa stoffa puoi fare un bel paio di sandali per me e le mie figlie.

Maria, che era il nome della signora che eseguiva questi lavori, esaminò attentamente la stoffa e disse: Tutto si può fare, ma questa stoffa non è duratura; se lei accetta io mi prendo questa staffa e le metto della tela molto resistente e di sicuro verrà bene.

La signora rispose che per lei andava bene.

Maria guardò quella stoffa e vide che era un pezzo molto grande e che forse avrebbe potuto realizzare qualcosa di molto importante.

In paese intanto si stavano facendo dei preparativi per i bambini, perché dopo qualche settimana ci sarebbe stata la prima comunione e tutti pensavano al vestito per i comunicandi.

Detto e fatto, Maria prese il bambino e si recò dal vecchio sarto che in paese faceva di tutto e gli chiese se la stoffa sarebbe bastata per un piccolo giubbino e un paio di
pantaloni per il suo bambino che avrebbe fatto la prima comunione. 

Il sarto prese le misure e con diverse giunture quasi invisibili gli confezionò un vestitino carino. Venne il giorno della prima comunione e anche un povero bambino fece una gran bella figura.

Questa storia sembra una favola, ma è una storia vera. 


Ve lo può testimoniare quel bambino, quel bambino ero io.



Tomaso


Spero che abbiate gradito questa mia idea di ripubblicare tutto questo.

Un abbraccio a tutti con sempre un profondo affetto che conservo nel cuore.

Tomaso 

56 commenti:

  1. Che bella storia.
    Quando, però, la povertà, l'ingegno e la generosità si incontrano, tutto assume colori più tenui.
    Grazie per averla condivisa con noi.
    Buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Claudia, forse non tutti la pensano come le penso io.
      Sono orgoglioso di essere stato molto povero, ora non sono ricco ma sono felice.
      Ciao me buon inizio della settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  2. Tomaso, è una storia bellissima e soprattutto vera. Ci insegna che tu hai alle spalle una storia lunga e vissuta pienamente, una storia che ti ha reso saggio, come io ti percepisco, una storia che ti ha reso forte come una roccia. La tua mamma era una donna forte, vorrei avere io una briciola di quella fortezza che di generazione in generazione pare sia andata scemando. Grazie per questo stralcio di vita vera che ci fa comprendere quanto siamo diventati incontentabili, insensibili, fragili. Buona giornata con un abbraccio.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sinforosa, sai io che la ho vissuta di persona, solo posso affermare,
      che la mia cara mamma aveva superato se stessa.
      Ciao me buon inizio della settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  3. Bellissimo post e ricordi di un passato che ha lasciato tracce indelebili.
    Un grande abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Andreina, si lo puoi dire questo racconto ha lasciato, qualcosa che non si cancellerà mai!!!
      Ciao me buon inizio della settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  4. Questa tua storia mi è rimasta nel cuore l'avevo già letta e la ricordo con piacere ... caro Tomaso penso che ancora si trovino persone che hanno un po di bontà e semplicità nel cuore .... una di queste sei proprio tu ... un abbraccio grande a te e meravigliosa famiglia e grazie per la tua saggia presenza ... a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Giusi, vedo che ai una buona memoria, questa mi storia l'avevo pubblicata molto tempo fa.
      Se la ho ripubblicata, è perché penso che non tutti la abbiano letta, e sicuro qualcuno la gradita.
      Ciao con una buona serata, un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  5. Una storia bellissima, testimonianza di un Italia in cui l'inventiva non è mai mancata come neanche la forza di reagire alla avvisaglie della vita, un Italia che mi manca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Carmine, una storia che ogni italiano dovrebbe essere fiero, quanto sembra finito tutto ci crediamo.
      Come si vede ai.può sempre risorgere, la mia mamma ci a sempre creduto.
      Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  6. Bellissima storia Tomaso,devi esserne fiero e orgoglioso, non tutti
    la racconterebbero.grazie per averla condivisa.Nonna Gianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Gianna, la ho voluto ripubblicare per quelli che non l'anno ancora letta, una storia che emozione sempre.

      Elimina
  7. ricordo bene qst storia....sempre bella da rileggere. un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Fiore, una volta letta, non è facile dimenticarla!!!
      Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  8. Ti leggo sempre volentieri. ciao Amico, un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Fernando, fa sempre piacere avere una tua visita.
      Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  9. Ricordo questa bellissima storia, uno splendido esempio d'amore e di ingegno!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Laura, certe storie come questa non è facile dimenticare!!!
      Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  10. E, sì, caro Tommaso. I ricordi dell'infanzia, belli o brutti rimangono dentro di noi per sempre. Grazie per aver condiviso con noi questo pezzetto della tua vita. Spero state tutti bene. Un abbraccio. Ros

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ros, purtroppo è veramente così, i ricordi dell'infanzia sono sempre dentro di noi.
      Purtroppo anche quelli non belli, ma bisogna affrontarli per valutare quelli belli.
      Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  11. che storia magica Tomaso caro, sembra quasi una favola. Esistono ancora queste cose oggi? Forse sono molto rare , ma prendiamo spunto da questi bellissimi racconti e cerchiamo di essere più ottimisti per il futuro!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella, la hai definita una favola, credimi io in quei tempi non conoscevo le favole, non ci potevamo permetterlo di leggerle, non cerano i soldi, più tardi quando,e ho potute leggerle io compresi che io avevo vissuto di,persona una vera favola.
      Oggi possiamo pensare che certe cose non ritornino mai più.
      Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  12. La tua mamma era davvero ingegnosa, una grande, mi sarebbe proprio piaciuto conoscerla!
    Grazie per questo tuo racconto, bello e commovente, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Carmen, la mia mamma era piccola di statura, ma molto grande in tutto!!!
      Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  13. Risposte
    1. Caro Giancarlo, auguro pure a te una buona settimana.
      Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  14. Una bella storia!
    Buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Vincenzo, oggi nessuno immagina che queste cose sono successe, ma è la verità.
      Ciao e buona settimana, con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  15. Un affettuoso saluto e Buona Settimana a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Voltaire, pure a te una buona settimana, con tutto il mio cuore.
      Ciao e buona serata, con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  16. Mi ha emozionato moltissimo questa storia, la sua storia. Sua madre era una grande donna ed è ovvio che ha tramandato il suo carattere buono anche ai suoi figli. Con un abbraccio e un sorriso le auguro una bellissima giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Flo, sembra una favola, ma per me che la ho vissuta, ancora oggi mi emoziono pensando.
      Ciao e buona serata, con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  17. Un caro saluto e buona settimana. Io non ho ancora riaperto il blog. Un sorriso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Edvige, lo ho notato, spero che presto anche tu ritorni.
      Ciao e buona serata, con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  18. Una bella storia, molte delle quali ho sentito dalla mia cara mamma e papà mentre ero in guerra in Polonia ... niente soldi e niente cibo, poi sono venuti in Australia e la vita è stata dura ma meglio ... grazie, .. ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Annie, noi abbiamo vissuto momenti difficili e oggi li ricordiamo, sperando che mai più ritornino.
      Ciao e buona serata, con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  19. La povertà spesso è maestra di vita e ciò lo si dovrebbe raccontare alle nuove generazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Sebastiano, vedo che sei nuovo qui da me, ti ringrazio della graditissima visita, passerò pure io da te per conoscerti meglio.
      Ciao e buona notte con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  20. La tua storia mi ha commosso, grazie di cuore carissimo Tomaso per avercela raccontata.
    Racconti di vita, grande patrimonio!!!
    Un abbraccio stretto, buona serata e grazie ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lory, sai che pure io quando lo penso mi commuovo, credo sia del tutto normale.
      Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  21. Grazie caro Tomaso, una storia commuovente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Simona, mi fa molto piacere sentire che anche tu ti sia commossa.
      Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  22. Una storia bellissima che ci fa capire come le donne sanno ingegnarsi in momenti di necessità.Saluti OLga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Olga in quei tempo la vita non era facile, la mia mamma era una piccola donna di statura,ma molto grande del suo animo.
      Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  23. Che bel racconto di storia vissuta, Tomaso! E devo dire che la tua mamma era una donna dalle mille risorse, veramente in gamba! Un abbraccio grande!
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Emanuela, grazie della gradita visita, e sentire le tue belle parole, la mia mamma le ha meritate. Voglio informarti che per un po di giorni sarò assente, mi devono ricoverare in clinica per curarmi gli occhi e dovrò restare circa 4 giorni, non preoccupatevi che tutto passerà.Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso 

      Elimina
  24. E' una bellissima storia Tomaso e mi hai molto commosso. Un grandissimo abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Carla, grazie della gradita visita,voglio informarti che per un po di giorni sarò assente, mi devono ricoverare in clinica per curarmi gli occhi e dovrò restare circa 4 giorni, non preoccupatevi che tutto passerà.
      Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso 

      Elimina
  25. Non avevo ancora letto questo tuo racconto di vita toccante e struggente, caro Tomaso. Ti ringrazio di cuore per avermi dato l'opportunità di farlo ora.
    Un caro abbraccio e, come sempre, un grande sorriso :)
    MG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maria Grazia, grazie della gradita visita,voglio informarti che per un po di giorni sarò assente, mi devono ricoverare in clinica per curarmi gli occhi e dovrò restare circa 4 giorni, non preoccupatevi che tutto passerà.Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso 

      Elimina
  26. Hai raccontato una storia di vita molta intensa che fa riflettere ! C'è da imparare la volontà premia sempre
    Un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Babaluccia, grazie della gradita visita,voglio informarti che per un po di giorni sarò assente, mi devono ricoverare in clinica per curarmi gli occhi e dovrò restare circa 4 giorni, non preoccupatevi che tutto passerà.Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso 

      Elimina
  27. Caro Tomaso, sei un uomo meraviglioso, mi hai comosso.
    Un grande abbraccio.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Fulvio, grazie della gradita visita,voglio informarti che per un po di giorni sarò assente, mi devono ricoverare in clinica per curarmi gli occhi e dovrò restare circa 4 giorni, non preoccupatevi che tutto passerà.
      Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso 

      Elimina
  28. Grazie mille per le tue gentili parole sul mio lavoro. Sei molto gentile e sono così felice che siamo amici, abbiamo un bel giorno / notte. grande amore aNNie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Annie, oggi pomeriggio devo essere ricoverato in ospedale e ci devo restare 3-4 giorni perché devo essere operato agli occhi, non so se da li mi posso allacciare a internet, comungue ci risentiremo al mio ritorno, io spero sempre che tutto andrà bene.
      Ciao con un abbraccio.
      Tomaso

      Elimina

Benvenuti qui cari amici e amiche, se poi volete lasciare anche solo un saluto, sarà sempre molto gradito. vi ringrazio con un sorriso:-)