calendario con data e orologio



Net-Parade

Migliori Siti

LETTORI FISSI

mercoledì 11 gennaio 2017

RACCOLTA DELLE MELE NEL MONTELLO DAGLI ZII 1943

carissimi amici e amiche, ripensandoci credo che vi faro
nuovamente vedere questi miei racconti vissuti!!!

questo sarà l'ultimo dei miei racconti per il momento,
 ora sta arrivando altri post vari.

Ritorno sui miei ricordi del passato.

Siamo in piena seconda guerra mondiale, ricordo che nel 1943 periodo della raccolta delle mele avevo 13 anni, mia madre mi chiese di accompagnarla nel Montello, nel paese dove era nata aveva 2 fratelli e una sorella, la loro campagna era molto grande e ricca di alberi di melo, cosi mi portò con lei, abbiamo dovuto attraversare il Piave, non era una cosa facile, l'acqua tante volte può essere insidiosa e pericolosa, io da bambino imparai presto a nuotare e vi posso assicurare che sapevo cavarmela molto bene; in tante occasioni ho aiutato della gente per attraversare i diversi rami del Piave, nonostante fossi giovane mi ritenevo esperto su come prendere i rami del Piave; per attraversare bisogna conoscere ad occhio dove l'acqua accumula i ghiaioni e seguire attentamente il punto meno profondo, se si sbaglia ci si trova improvvisamente nell'acqua profonda e solo chi sa nuotare ne può uscire.

Sono sincero ho sempre rischiato molto nel fiume Piave sicuramente avevo un buon angelo custode.
Oggi, se ci ripenso, mi vengono i brividi, molti dicevano che ero un po’ matto.

Arrivati dai miei zii abbiamo visto che le mele erano abbondanti sotto gli alberi, erano moltissime cadute da sole e abbandonate per darle poi hai maiali, erano molto buoni i miei zii, non avevano tempo per raccogliere queste mele, cosi ci è venuta un'idea! Abbiamo organizzato con parecchie donne casalinghe i cui mariti erano tutti emigrati di andare un giorno a prendere queste mele che ci lasciavano prendere senza pagare niente.

Io in quel periodo facevo il garzone in un panificio e tutte le mattine alle 02.30 mi recavo a fare il pane e lavoravo circa fino le 11.00, un giorno fu deciso che appena io ritornavo dal lavoro di partire subito per il Montello, normalmente io al pomeriggio andavo dormire per riposare ma quel giorno rinunciai con piacere perché sapevo che quelle donne avevano molto bisogno.

Partiti a piedi e dopo circa 1 ora e mezza arrivammo
al Piave, non fu facile le donne e mia madre di seguirmi per attraversare, dovetti fargli vedere un paio di volte come attraversavo e come dovevano fare loro per seguirmi, fu una faticaccia accompagnare una alla volta fino all'altra sponda,
un'ora dopo eravamo tutti impegnati a riempire i sacchi di mele, fu veramente bello vedere e sentire le donne soddisfatte di come erano andate le cose.

Ci preparammo per il ritorno, sacchi in spalla, raggiunto il primo ramo del piave iniziarono i grandi problemi per passare l'acqua se anche non molto profonda, ma molto mossa a causa della corrente, accompagnai una donna alla volta fino all'altra sponda e poi con molto coraggio portai i sacchi di mele.

Ero felice di vedere le donne che mi ringraziavano con un forte sorriso.

Spero che anche questo racconto vi sia piaciuto, vi saluto il vostro sempre amico. 

Tomaso







90 commenti:

  1. C'era più umanità e questi tuoi ricordi sono la prova, oggi si vive in condomini e molte volte le persone si ignorano.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Amico Vincenzo, questa volta tu sei il più veloce!!!
      Detto bene il giorno d'oggi è tutta un'altra cosa.
      Ciao e buona giornata caro amico.
      Tomaso

      Elimina
  2. Che belli questi ricordi di una volta, un tempo lontano e ormai scomparso del tutto. E attraversare il fiume Piave, poi ? ! Mi chiedo come avete fatto, soprattutto le donne, io non ne sarei stata capace di certo !!Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mirtillo, racconti che io pensandoci ora mi dico che sono stato fortunato, ricordo che le donne un po si vergognavano perché dovevano alzare molto le gonne per no bagnarsi troppo.
      Certo che ci vuole coraggio e io ne avevo quasi troppo.
      Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)

      Elimina
  3. Che belli i tuoi racconti Tomaso! Li leggo avidamente! Pure io, quando avevo 4 anni accompagnavo mia nonna nelle raccolte di mele e conservo ancora il ricordo olfattivo di quelle belle giornate! Profumo di mele!
    Ammazza però quanto eri forte! In effetti anche adesso hai forza d'animo e di spirito da vendere! Sei sempre una grande scuola!
    Un abbraccio e un sorriso a te, Eleni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Eleni, mi fa piacere che questi semplici racconti vissuti ti piacciono tanto.
      Sai la mia statura non è alta ma come fisico sono stato molto forte, ricordo che al servizio militare ne avevo dato la prova con certi sollevamento dei pesi che si facevano in palestra.
      Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  4. Caro Tomaso, spero che i tuoi nipoti facciano tesoro dei tuoi racconti (che abbiano voglia di ascoltarli intanto, ormai non guardano e sentono niente ...) un'ora e mezzo di cammino "solo" per arrivare a lavorare! Oggi saremmo morti già solo per avere camminato così tanto, figurati dover ancora lavorare dopo... le tue imprudenze di giovane sono quelle di tutti i giovani 😉 Bellissimo anche questo ricordo! 👏 Grazie e un abbraccio.
    P.s come sta Danila?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Simona, voglio iniziare subito, per dirti, che Danila sta bene e guarisce in fretta...
      Parlando poi del mio racconto, spesso mi dico che la mia fortuna mi ha sempre assistito, se penso cosa facevo a quella età mi viene oggi i brividi!!! Penso che noi in quei tempi avevamo una resistenza incredibile, se pensi che avevo prima lavorato nel panificio iniziando alle 2:00 di notte, ma credimi non mi sentivo stanco, ero felice di vedere gli altri sorridere.
      Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  5. Bravissimo Tomaso a scrivere i tuoi ricordi,sono un esempio di vita vissuta che tutti i giovani dovrebbero leggere.Stammi bene,ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Olga, mi fa piacere che piace anche a te i miei ricordi, sai ogni tanto ci penso quante cose ha fatto e spesso con dei pericoli,ma come dicevo avevo un buon angelo custode!
      Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  6. Bellissimo questo tuo racconto Tomaso! Hai descritto così bene la difficoltà dell'attraversamento del Piave che mi sembrava di essere lì ed ho immaginato il gran lavoro che hai dato al tuo Angelo Custode... A parte gli scherzi, una volta il modo di vivere era completamente diverso, le persone erano abituate a condividere e l'egoismo non dilagava come oggi, era come se si fosse tutti una grande famiglia, oggi quasi non conosciamo il nostro vicino di casa.
    Ciao, ti auguro una felice giornata.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Antonella, sai io come parlo lo scrivo anche, e io avevo una certa conoscenza di come si formavano questi cosi detti! Ghiaioni, guardando la superficie dell'acqua si nota bene la scia che cambia forma, dopo quella scia seguendo la corrente era molto profonda.
      Dici bene avevo veramente un buon angelo custode altrimenti non sarei qui a raccontare!
      Cara Laura, non voglio raccontare tutto, ma cera una signora benestante che non avevo figli, e pregava mia mamma di lasciare che le mi adottasse, figuriamoci mia mamma, io ero il prediletto,nonostante che le d'asse tante preoccupazioni causa il mio coraggio di fare cose quasi impossibili. Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  7. Sempre bellissime le tue storie di vita vissuta, si leggono tutte di botto.....chissà quante mamme avrebbero voluto un figlio come te caro Tomaso anche se anche tu eri un po' spericolato, ringraziamo davvero il tuo Angelo custode.
    Un abbraccio,
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Laura, non voglio raccontare tutto, ma cera una signora benestante che non avevo figli, e pregava mia mamma di lasciare che le mi adottasse, figuriamoci mia mamma, io ero il prediletto,nonostante che le d'asse tante preoccupazioni causa il mio coraggio di fare cose impossibili. Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  8. Bellissimo racconto di vita vissuta, è sempre un piacere passare da te e leggere le tue storie vere descritte con semplicità!
    Un abbraccio e buon pomeriggio da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Beatris, sai fa piacere sentire che gradite tutti questi racconti di vita vissuta.
      Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  9. Davvero molto bello questo racconto! Io spero di rileggere ancora di queste tue storie.
    Grazie a te come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Natalia, sai di queste storie vissute le ho pubblicate più di una volta, ogni tanto qualcuna la ritorno pubblicare, io ti consiglierei di scaricare il mio libro, li credo che tu possa leggere tanti capitoli dove ci sono i miei racconti.
      Ciao e buona serata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  10. Bello leggere storie vere, te l'ho già detto. Quanta fatica, quanto lavoro che avete fatto e adesso diciamo di essere stressati: siamo solo ridicoli. I tuoi racconti mi rammentano quelli della mia nonna e del mio papà, racconti di vita vissuta con tanto impegno e semplicità.
    Grazie Tomaso.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sinforosa, è difficile capire cosa noi un tempo facevamo, sai oggi purtroppo i giovani non anno potuto imparare cose è veramente la vita e i sacrifici, perché anno trovato tutto fatto.
      Ciao e buona serata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  11. Ti vedo quasi .. aiutare le donne ad attraversare il fiume ... e mi sembra di sentire il profumo delle mele ... oh caro amico ... che tenerezza : )
    ti abbraccio ... un sorriso a te e grazie per esserci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Marinetta, te come poetessa puoi immaginare tutto ciò che io facevo, e sono sucuro che non sbagliavi di niente!!! Grazie a te di esistere!!!
      Ciao e buona serata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  12. Come sei bravo Tomaso nel raccontare, e forse perché racconti la tua vita che viene direttamente dal cuore. Un abbraccio e a presto !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Andreea ai detto giusto questi racconti vissuti vengono diretti dal cuore.
      Ciao e buona serata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  13. Sono sempre molto belle e interessanti le tue storie. Buona serata caro Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Fabiola, è sempre un piacere avere una tua visita, cosi leggi i miei racconti vissuti.
      Ciao e buona serata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  14. Un vero gentiluomo fin da bambino!
    La tua vita sicuramente è stata molto faticosa rispetto alla nostra, avresti mai pensato che un giorno avresti avuto un blog e tutto questo affetto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mary, sai nella vita non possiamo programmare nulla vieni a questo mondo e poi devi fare del tuo meglio, io sono stato fortunato un angelo custode mi a protetto e poi ho avuto una mamma veramente speciale, da lei ho imparato la cosa più importante! L'onestà.
      L'Affetto che tutti voi mi date è forse ciò che merito, non sta a me giudicare!!!
      Ciao e buona serata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  15. che belli i tuoi racconti Tomaso, mi sembra di ascoltare il mio nonno, in Friuli, quando ce li raccontava seduti accanto al fuoco. Tornerò se non ti disturbo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Creta, è veramente un piacere vederti arrivare nel mio blog, che a quanto pare ti piace, io ho piacere se tu ritorni così potrai conoscermi meglio questo vecchietto che non so arrende mai, solo una cosa mi dispiace, sono entrato nel tuo angolo dove scrivi peccato che non è un blog normale ^, ma fa parte di un'altra cosa, so che hai appena incominciato io ti consiglierei di fare un blog come questo!! http://dolcideemuffin.blogspot.it/ naturalmente con un tuo nome e titolo, prova cercare su google è facile farne uno gratis...
      Ciao e buona serata cara nuova amica con un abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  16. Un altro bel racconto che conferma la tua qualità di affabulatore.
    Un caro saluto e un abbraccio ^__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Antonio al tuo parere io ci tengo molto!!! grazie caro amico un abbraccio forte.
      Tomaso

      Elimina
    2. Caro Tomaso,
      come accennai, la bravura nel raccontare non ha niente a che vedere con la grammatica, fermo restando che ti esprimi più in Tedesco che in Italiano, per cui qualche errore ortografico è perfettamente comprensibile.
      Buona serata, amico mio.

      Elimina
    3. Grazie caro amico.
      Tomaso

      Elimina
  17. Ma che bravo TOMASO coraggioso, generoso, intrepido..
    Le acque dei fiumi sono sempre insidiose e poi avere la responsabilità di portare dall'altra sponda le donne non è cosa tanto facile..
    Un applauso, e un immenso abbraccio..grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella, credo che non dovrei spiegare tento, dopo quello che ho passato posso solo dire che avevo un buon angelo custode e credo che sia rimasto sempre con me.
      Ero una che non conosceva limiti e tutto volevo provare!!!
      Ciao e buona serata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  18. Mi piacciono i tuoi racconti, sei molto bravo a raccontare i tuoi ricordi riesco quasi a vederli!
    buona serata
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Alice, vedi io scrivo nei miei racconti vissuti, come parlo, forse è questo che è semplice capirmi, un grazie che vedo che ci sei sempre.
      Ciao e buona serata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  19. Bello anche questo racconto, si vede che il tuo animo è nobile, aiutare gli altri non è cosa da tutti, specialmente ai tempi di oggi, dove c'è poco rispetto verso il prossimo! Buona serata Tomaso, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Molly, fa sempre piacere sentire che piacciono i miei racconti vissuti, sai io per natura sono sempre disposto ad aiutare chiunque ne ha bisogno, mi anno insegnato che così avremo sempre un riconoscimento che ci tranquillizza dentro di noi, tu solo sai se hai fatto del bene!!!
      Ciao e buona notte cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  20. Semère bellissimi ituoi racconti Tomaso, un abbraccio a te a te e alla Danila!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cristina, grazie della gradita visita, poi mi fa piacere sentire che anche a te piacciono i miei semplici racconti vissuti.
      Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  21. ciao Tomaso, voglio dirti una cosa; se clicchi sul mio nome vieni dirottato sul mio blog in automatico. Un saluto e buona serata. Greta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Greta, il tuo blog ce lo già è questo! http://hosceltodiesserefelice.altervista.org/ poi vorrei informarti che cliccando sul tuo nome non funziona come pensavi te, comunque no fa niente, per il tuo blog ancora non ho scritto niente ma lo farò appena ho un po di tempo.
      Grazie delle belle foto dell'adunata di Bolzano , poi ora ho capito tutto di te vieni da una famiglia di alpini e questo mi piace tanto, più avanti passerò nel tuo blog per capire un po di questo sistema.
      Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  22. Ciao Tomaso, è sempre bello leggere gli aneddoti della tua interessante vita.
    Grazie per condividerli con la genuinità che ti contraddistingue.
    A presto. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Daniela, prima di tutto grazie della tua gradita visita, sono felice che anche a te piacciono questi miei racconti vissuti, sai sono cose che restano per sempre dentro di te.
      Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  23. Carissimo Tomaso, grazie per essere passato da me! È bellissimo poter leggere questi tuoi bellissimi racconti,grazie
    Un abbraccio
    Ivy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ivy, un grazie anche a te che ci sei sempre, mi fa piacere che apprezzi i miei racconti.
      Ciao e buona giornata cara amica cin un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  24. Che bei ricordi che hai Tomaso!
    Un abbraccio
    Monique

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Monica, sai i ricordi ti fanno capire quanto è bello ricordare e valutare la vita.
      Ciao e buona giornata cara amica cin un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  25. Sempre pronto ad aiutare tutti anche a costo di rinunciare a dormire, è stata un'avventura indimenticabile, un po' faticosa per te ma ripagata dalla felicità di ricevere in cambio qualcosa che secondo me vale molto.
    Le signore sono rimaste contente e ti hanno ringraziato con un sorriso sincero che proveniva dal loro cuore, ed è questo che conta, un sorriso a volte vale più di mille parole!
    Caro amico, ti mando un forte abbraccio ed un sorriso ^_^
    Gabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Gabry, sai io sono fatto così ma non solo allora ma anche adesso, per me è normale tutto questo, vedere poi che ti ringraziano come capita spesso, con un sorriso, per me questo mi fa sentire che la mia coscienza è libera aiutando gli altri aiuta me stesso.
      Ciao e buona serata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  26. Questo racconto mi colpisce, scusa, più per l'anno e che è quella mia nascita .. in novembre... mamma mia quanti anni passati.. Bello il racconto. Buona serata con un sorriso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Edvige, lo dici così, ora tutti sanno l'anno della tua nascita, sai è bello poter festeggiare
      gli anni più che sono e più bello è, fa piacere sentire che anche a te piace il mio racconto.
      Ciao e buona serata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  27. Un bel racconto, quando si è giovani si è più temerari, c'è poi quello che non c'è più il senso del sacrificio, di fare qualcosa d'importante per la comunità , un senso di legame che si è perso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Carmine, è vero che quando si è giovani la paura non si conosce,poi non siamo tutti uguali certo che io ero un po troppo e credo che io abbia avuto un buon angelo custode.
      Ciao e buona serata caro amico con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  28. Un racconto bellissimo,che tutti dovrebbero leggere in quanto ricco di ricordi risalenti al tuo passato:un periodo di cui ho sentito parlare spesso dai miei nonni (erano rispettivamente del 1915 e del 1920)i quali passavano ore a raccontarmi episodi della loro infanzia,della loro giovinezza,e ricordo come gli occhi si illuminavano e come si emozionavano..mi sembra di vederli ancora davanti a me!La vita a quei tempi era sicuramente più dura,più difficile rispetto ad oggi ma questo secondo me rappresentava un vantaggio in quanto le persone ne venivano rafforzate ed erano in grado di affrontare la vita con tutte le sue difficoltà:).
    Un caro saluto e grazie infinite per aver condiviso dei ricordi indelebili e speciali legati alla tua adolescenza:)
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosy, si si fa proprio così si racconta cose del passato cose che quando sei giovane e ai una famiglia sei troppo occupato e non ai tempo per raccontare ma poi passano gli anni e quando sei vecchio tutto ritorna come un film, di ciò che è passato e ricordi con chiarezza tutto ciò che è avvenuto. Ora io che i miei racconti li posso raccontare mi sento, felice.Ciao e buona serata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  29. Ciao Tomaso, anche stasera mi hai fatto leggere un po della tua vita, sei stato davvero un bravo ragazzo e lo dimostri ancora con tanti amici e amiche che ti seguono sul Blog, un'altro tuffo nel passato dove anche se c'era la guerra, ci stava più solidarietà.
    Buona vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Gaetano, credo ho finito di raccontare i miei racconti, anche questo lo ho ripetuto, fa molto piacere sentire quanto vi piacciono.
      Ciao e buona giornata caro amico con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  30. Ciao Tomaso! Come sempre leggere le tue storie così avvincenti è sempre un piacere, piccoli pezzi della tua vita che mi ricordano tanto i racconti di mio padre e dei suoi tempi, difficili sì, ma profondi. Un grande abbraccio
    Sy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Silvia, sono piccoli scorci di vita vissuta semplice in un comunità ricca di affetti semplici e genuini, la povertà faceva da padrona mai nostri cuori erano sempre disposti a aiutarsi.
      Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  31. non solo sono belli i tuoi racconti.... ma sai anche bravo a narrarli bene! :))
    buona serata amico mio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Grace, sai io scrivo nel modo come parlo, come noterai non ce punteggiatura.Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  32. Carissimo Tomaso,
    leggere i tuoi racconti è sempre una gioia. Ne hai passate veramente tante!
    La tua vita è stata un dono per chi ti stava vicino. Sicuramente eri un po' "matto" ma anche molto generoso.
    Grazie per questa condivisione.
    Ti mando un forte abbraccio sempre con un sorriso
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maria, fa piacere sentire ch a tutti voi piacciono i miei racconti vissuti.
      La mia cita è stata una vera avventura ho forse rischiato troppo ma si vede che
      il mio angelo custode mi è stato sempre vicino.
      Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  33. I tuoi racconti di vita vissuta sono sempre eccezionali grazie di queste emozioni che ci dai. Un saluto carissimo a te e famiglia, Angelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Angelo, subito un grazie della gradita visita, poi parlando dei miei racconti vissuti, per me è come rivivere quei momenti di concentrazione perché sapevo che era molto pericoloso, ma come si sa quando si è giovani si rischia, il mio angelo custode ha avuto tanto da fate per proteggermi sempre.
      Ciao e buona giornata caro amico con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  34. wow racconti stupendi!!! Nuova lettrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Chiara, sono sulle stelle!!! vedere che è arrivata una nuova amica, per questo io faccio festa. Sono gia stato a vedere il tuo profilo e ho visto che ai un blog, di sicuro passerò da te e voglio conoscerti meglio, tu pure se tu piacciono i miei racconti vissuti, ti consiglierei di scaricare il mio libro cioè la mia vita, li troverai il bello e il brutto della mia lunga vita che inizia nel 1930.
      Ciao e buona giornata cara nuova amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  35. Carissimo Tomaso, i tuoi racconti sono sempre molto emozionanti e coinvolgenti, li leggo sempre con molto piacere e davanti agli occhi mi passano le immagini di questi paesaggi che conosco.....sicuramente hai corso dei grossi rischi sul Piave, fiume bello e ricco di vegetazione ma molto insidioso. La tua generosità e il grande buon cuore ti avrà concesso qualche angelo custode in più!!!
    Pietro ha la fortuna di avere i nonni e anche la bisnonna e sono così felice quando vedo che è così interessato ai loro racconti di vita passata, sono sicura che certi fatti non li dimenticherà mai e sono convinta che sono importanti da conservare per arricchire la sua vita!!!
    Un forte abbraccio e ancora tanti auguri per l'anno nuovo appena cominciato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Laura il tuo lungo commento mi mette in chiaro tante cose, lo so ho rischiato tanto ma come dicevo ero uno che non conoscevo paure mi sembrava che il mondo fosse tutto quello che io volevo fare, lo so che mia mamma melo ripeteva, ma alla fine capiva che io lo facevo ugualmente, da giovane andavo al Piave nella zona di Falze di Piave e Montello dove cerano della grandi rocce sotto cerano delle profondità del piave e formava dei vortici io ero uno di quelli che rischiava sempre tuffandomi in quei gorghi era un piacere sentirti coinvolto e poi nelle profondità ti rilasciava uscire sono cose che oggi i viene i brividi al solo pensare,
      è vero ho dato tanto da fare al mio angelo custode.
      Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  36. Ciao Tomaso, nel 1943 avevo 1 anno e tu stavi già facendo il coraggioso attraversando il Piave. Qualche decina di anni dopo ho affrontato anch'io il fiume della patria. Dalle parti di Segusino eravamo tutta una compagnia di ragazzi che si tuffavano e nuotavano senza però raccogliere delle mele. In modo particolare ci buttavamo dal vecchio ponte che collegava le due sponde e bisognava entrare in acqua giusto dove era più profonda. Ora penso che il nuovo ponte (per modo di dire, visto che è stato costruito molti anni fa) sia troppo alto per non poter schiantarsi sul fondo. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Elio, l'epoca era tutta un'altra cosa si campava e bisognava inventarsi qualcosa, per dimenticare le fatiche che eravamo costretti a fare per la soppravivenza, senza pensare ai pericoli che causa una brutta dittatura ci aveva lasciato.
      Parlando del piave oggi non ce quasi mai acqua viene tutte prelevata sopra Fener che viene messa nelle grandi condutture per bagnare le pianure che coltiva il granoturco, un tempo il Piave aveva acqua tutto l'anno e anche molta, da noi il letto del Piave era molto largo minimo un km. e formava sempre da 2-3 rami solo cosi si poteva attraversarlo.
      Ciao e buon fine settimana anche te caro amico.
      Tomaso

      Elimina
    2. Hai ragione Tomaso, i nostri fiumi spariscono per la coltivazione intensiva. Mi chiedo se non sarebbe meglio tornare ai tempi in cui l'agricoltura e l'allevamento fornivano solo la regione dove si produceva. Ci dicono : il prgresso, ma personalmente non lo vedo. Ciao e buonanotte.

      Elimina
    3. É una amara veritá caro Elio, e non possiamo farci niente!!!
      Ciao e buonanotte amico.

      Elimina
  37. Buongiorno! Grazie per tutte le volte che sei passato da me! Scusami se solamente ra riesco a passare da te. nel 43 non ero nata :) bellissimo post interessante! Buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Shane, sai io ho del tempo e se sto bene mi faccio il giro per salutare tutti i miei lettori fissi, peccato che ora qualcosa no funzioni bene e non si vedono i lettori fissi, spero che ritorni tutto normale, Parlando del 43 come ai visto ero un ragazzo un po spericolato!!!
      Ciao e buon fine settimana cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  38. Ciao
    buon fine settimana. Sempre bello leggere i tuoi racconti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Robby, è sempre un piacere avere una tua visita, sentire poi che ti piace i miei racconti.
      Ciao e buona domenica cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  39. Attraverso i tuoi racconti mi sembra di vivere le tue avventure!!! Grazie ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sara, mi fa piacere di sentite che tu rivivi con me i miei racconti.
      Ciao e buon pomeriggio cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  40. Un periodo che ricorderai caramente che per me è solo storia...
    Un abbraccio e un ringraziamento per proporci tue emozioni vissute...
    Ros

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosemary, sono le visite come le tue che mi spronano a continuare con i ricordi:
      Ciao e buona serata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  41. Caro Tomaso, anche questa tua bellissima storia l'avevo già letta ... ma rileggerti è sempre un piacere, sei l'amico di tutti noi! un abbraccio e un sorriso a te, a presto ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Stefania, sentire che i miei racconti vi piacciono mi fa felice, sai sono dei racconti vissuti e ora che ho molto tempo li vedo passare come in un vecchio film, grazie cara amica della tua presenza al mio amato blog.
      Ciao e buona serata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  42. sai raccontare in modo da farci sentire nella storia...
    non è un dono che hanno in molti
    aspetto il prossimo racconto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Patalice, sai altri mi anno detto quello che dici tu, io cerco di scrivere quello che sento è come che parlassi con tutti voi, si per il momento non saprei come iniziare ma cercherò di provare, Ciao e buona serata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina
  43. Caro Tomaso, stavo per perdermi questo ricordo stupendo di te che porti le donne a raccogliere le mele, peccato che all'epoca fosse quasi impossibile scattare delle foto, sarebbero state bellissime già mi sembra di vedere quel ragazzino sorridente mostrate come fare per raggiungere la meta. A presto un sorriso e un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Audrey, lo so se ci fosse delle foto sarebbe stato il massimo!!!
      Ma a me rimane quel ricordo indelebile dentro di me, non dimenticherò mai i loro sorrisi, e vedere la mia cara mamma orgogliosa del suo figlio, bambino ma già grade!
      Ciao e buona settimana ancora cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
      Tomaso

      Elimina

Benvenuti qui cari amici e amiche, se poi volete lasciare anche solo un saluto, sarà sempre molto gradito.