calendario con data e orologio



Net-Parade

Migliori Siti

LETTORI FISSI

lunedì 25 aprile 2016

25 APRILE LA FESTA DELLA LIBERAZIONE

IL LONTANO 25 APRILE, DEL 1945


25 aprile di 71 anni fa
Buon giorno amici e amiche, Oggi è un giorno 
veramente speciale, io che il 25 aprile 1945
 avevo 15 anni lo vissuto intensamente, 
chi non cera non potrà mai capire cosa vuol dire
 la fine di un incubo, nel mio libro,(la mia vita)
 un capitolo che parla di questo
se vi va leggete il capitolo quarto, 
li forse capirete cosa intendo dire. 
ecco qualche foto che ricordano 
quel giorno.
 
Un forte abbraccio a tutti/e. 
dal vostro sempre amico!
Tomaso

52 commenti:

  1. Risposte
    1. Caro Vincenzo, questi ricordi tragici ci dicono che la scuola deve informare di più i giovani, perché nelle,prossime generazioni non succeda mai più tali cose.
      Ciao e buon 25 aprile caro amico.
      Tomaso

      Elimina
  2. Ciao Tomaso buona festa della liberazione anche a te.
    Poter leggere l'esperienza di chi quei momenti li ha vissuti in prima persona è un privilegio che non mi lascerò scappare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Adenina, tu che sei una delle ultime arrivate, certe cose non le puoi averle lette, su quel link potrai leggere il mio libro, cioè la mia vita, li troverai anche il capitolo che parla di tutto questo, e molti altri capitoli di episodi della mia vita.
      Ciao e buon 25 aprile cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  3. Hai ragione caro Tomaso, chi non c’era non potrà mai capire, sono cose che penso non si dimenticheranno mai.
    Spero tu abbia trascorso questa speciale giornata in serenità.
    Ti lascio un affettuoso abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Betty, è veramente così.
      Si può immaginare, ma solo chi ha veramente vissuto, può valutare, quei momenti, indeterminabili.
      Ciao e buona serata cara amica, con un forte e sentito abbraccio.
      Tomaso

      Elimina
  4. Caro Tomaso, io penso che solo chi, come te, ha vissuto in quegli anni, può capire pienamente il significato di questa ricorrenza ed è giusto che se ne parli sempre perchè, ciò che è successo negli anni bui della seconda guerra mondiale non si ripeta. Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mirtillo, tutti ne parlano per sentito dire, e molti sottovalutano il tutto, parlano da esperti, giudicano con certe facilità ma non sanno cosa vuol veramente dire che non ci si poteva fidare, nemmeno tra fratelli!!! Non resta che la speranza che tutto ciò non si ripeta mai più. Ciao e buona notte cara amica, con un forte e abbraccio.
      Tomaso

      Elimina
  5. E proprio vero : mai dimenticare .Che belle immagini hai postato . Speriamo davvero che non succeda mai più ... Un caro saluto Lina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lina, noi che abbiamo vissuto quei momenti non lo dimenticheremo mai!!! ora sta alla scuola il compito di insegnare la storia ai giovani. Ciao e buona giornata.
      Tomaso

      Elimina
  6. Oggi sono i ricordi di chi ha vissuto attivamente quel periodo a tramandare il ricordo. Domani, per non dimenticare questo compito spetterà alla scuola.
    Felice settimana caro amico
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Enrico, detto bene, non che lo abbiamo vissuto, lo possiamo raccontare, ma il compito importante, ora resta alla scuola, per mettere lezioni di storia che i giovani debbono sapere tutto!!!
      Ciao e felice settimana anche a te.
      Tomaso

      Elimina
  7. Un forte abbraccio a te Tomaso ...
    No , mai dimenticare ... hai ragione ... IO , non ho vissuto quegli orrori ed è per questo che ... rimango sempre in ascolto ...
    Belle e suggestive le foto che hai messo
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Marinetta, è vero che non ha vissuto quei momenti veramente tracici, non può immaginare!
      Credimi mi capita ancora oggi di sognare certi momenti tragici, e mi sveglio di soprassalto!!!.
      Ciao e buona giornata cara amica, con un forte abbraccio.
      Tomaso

      Elimina
  8. Hai ragione da vendere Tomaso, forse chi non c'era capisce meno questa ricorrenza considerandola soltanto una comoda festa!
    Abbraccione mio caro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nella, penso pure io che sia così chi ha veramente vissuto, quei drammatici periodi ora riflette! confesso che io spesso faccio ancora oggi dei sogni di incubo e quando mi sveglio tremo e mi dico è tutto passato... Ciao e buona serata cara amica, con un forte abbraccio.
      Tomaso

      Elimina
  9. Ciao caro Tomaso,
    scusa la latitanza ma sono stata via dal web per causa di forza maggiore.
    Non ho vissuto quel giorno ma immagino quanto sia stato forte e intenso viverlo. Ho letto con piacere il racconto della tua vita e anche questo pezzo di storia. Ti auguro un buon inizio settimana e mando un abbraccio a te e alla tua famiglia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Audrey, non devi scusarti, lo so che non sempre è possibile la presenza nel web, spesso ci sono delle cose più importanti, e non sempre si sta bene.
      Parlando del 25 aprile, mi fa piacere sentire che ai letto gli episodi del mio libro, sono cose che li porti dentro di te per tutta la vita, non resta che sperare che non si ripetano mai più.
      Ciao e buona serata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  10. E' molto importante che chi ha memoria diretta di quei momenti ne lasci testimonianza per le giovani generazioni, perché le emozioni vissute in prima persona sono sempre più coinvolgenti di un brano letto sui libri di storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Krilù, solo che ha vissuto quei tragici eventi sente la vera emozione del 25 aprile.
      Nei libri racconteranno tante cose e sicuramente aggiungeranno cose non vere...
      Penso che la scuola dovrebbe insegnare per bene la vera storia della seconda guerra mondiale.
      Ciao e buona giornata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  11. Ciao Tomaso,
    di quel 25 aprile 1945 io ho qualche ricordo raccontato da mia mamma che essendo nata nel 1925 aveva vent'anni. Quello che ripete spesso è quando sono arrivati gli americani sulla strada principale del paese, portando i viveri che non si vedevano più da tanto tempo, primo fra tutti il pane bianco. Racconta della paura di sua mamma che non voleva andare,e poi la contentezza di quando è giunta a casa con tante cose buone da mangiare.
    Questi racconti ci fanno riflettere in questa nostra epoca di consumismo.
    Un caro saluto G.Piera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara GianPiera, la seconda guerra, per chi la ha veramente vissuta, ha tante cose dentro il suo cuore e se le racconta spesso non è sempre creduto. Ma ti assicuro che noi abbiamo un grosso bagaglio di ricordi, che ci ha veramente sconvolto la vita, oggi ha raccontarlo ci riporta non quei momenti tragici. la fame l'abbiamo patita in credibilmente e nonostante tutto ora siamo qui ha raccontarlo!!!
      Ciao e buona serata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  12. Molto belle queste foto commemorative e carino il tuo post... vissuto per appunto! :)
    Buon pomeriggio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Grace, sai io che ho vissuto quei terribili momenti ho voluto testimoniare che erano momenti tragici, e che auguro che non si ripetono mai più.
      Ciao e buona serata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  13. Tomaso.
    Ti lascio un sorriso e un abbraccio . Lina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lina, grazie della tua sempre gradita visita. Ti auguro una buona serata sempre con un sorriso.
      Tomaso

      Elimina
  14. Un caro saluto simpatico alpino.
    Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lucia, che piacere vederti anche te qui, in questo post che ricorda il 25 aprile, festa della liberazione.
      Grazie del simpatico alpino!!!
      Ciao e buona serata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  15. Caro Tomaso hai vissuto anni di storia che noi abbiamo solo letto nei libri, io ammiro sempre te e le tue storie di vita. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Fiore, sicuro che solo coloro che hanno vissuto, quei tragici momenti possono capire!!! Poi i libri dicono forse non tutto, oppure vengono gonfiati per vari interessi.
      In questa occasione nel link cera il mio libro, con tutti i capitoli.
      Ciao e buona serata, un abbraccio.
      Tomaso

      Elimina
  16. Caro Tomaso ormai i giovani d'oggi sanno ben poco di questa ricorrenza.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Francesca, debbo bene, lo sbaglio è della scuola, che dovrebbe portare in primo piano la storia della seconda guerra mondiale.
      Noi che l'abbiamo vissuta siamo dei veri testimoni.
      Ciao e buona giornata con un forte abbraccio.
      Tomaso

      Elimina
  17. Caro Tomaso,io fortunatamente il tempo della guerra non l'ho vissuto,nascendo nel "46,ma ho vissuto la, anche feroce, contrapposizione delle ideologie figlie del "68 (io aderivo all'extra sinistra di L.c.Oggi mi rendo conto, eravamo esagerati,violenti e poco aderenti a quella Democrazia che a parole amavamo.
    Oggi le ideologie politiche sono morte o quasi e spesso mi chiedo,ma era forse meglio il prima?
    Un caro abbraccio fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Fulvio, lo so che voi vi siete trovati allo sbaraglio, e non era facile uscirne.
      Come dicevo a Francesca, è la scuola che doveva informare chiaramente cosa era successo...
      Ma sai la politica è sempre complicata.
      Ciao e buona giornata caro amico.
      Tomaso

      Elimina
  18. grazie Tomaso per questi ricordi!
    un abbraccio
    simona:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Simona, siamo noi superstiti che lo possiamo testimoniare!!!
      Ciao e buona giornata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  19. Caro Tomaso, ovviamente chi, come te, ha vissuto in prima persona questi avvenimenti conserva un ricordo indelebile ed emozionante.
    Noi possiamo solo immaginare, anche grazie alla condivisione dei vostri ricordi.
    Un abbraccio. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Daniela, siamo noi che abbiamo vissuto quei tragici momenti che conserviamo i ricordi indelebili. Poi è la scuola che deve sapere spiegare ai giovani la vera storia della seconda guerra mondiali, senza nascondere la verità se anche è tragica, solo così i giovani capiranno, e non commetteranno, questi stessi errori.
      Ciao e buona giornata cara amica, con un forte abbraccio.
      Tomaso

      Elimina
  20. Ti auguro caro Tomaso una buona settimana a te e consorte e spero che pe ril tuo problema vada sempre meglio. Un abbraccio
    Edvige

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Edvige, per conto del mio problema, e come una altalena, con i controlli continui, prima diminuiscono poi ritorno di nuovo come prima, sempre secondo come trovano il sangue.
      Sono bene informato dal medico, che dice che ci vuole tanta pazienza e tempo, minimo un anno,
      ora sono passati 8 mesi, spero che nei 4 che rimangono, di avere un buon risultato.
      Ciao e buona settimana anche a te e famiglia, cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  21. L'ho letto molto volentieri!😊 Infatti ho scaricato il tuo libro tempo fa e come ti ho detto lo trovo molto interessante! Non bisogna mai dimenticare questi avvenimenti storici! Buona giornata Tomaso!👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Vanessa, mi fa piacere sentire, che con il libro che hai scaricato, hai letto tutti i capitoli, la cosa importante è di non dimenticare mai, ciò che è stato, la storia deve essere insegnata alla scuola, la seconda guerra mondiale ha tanto da insegnare hai giovani!!!
      Ciao e buon fine settimana cara amica. Tomaso

      Elimina
  22. Ciao Tommaso, è sempre un piacere passare a trovarti. Buon week end.
    Marna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Marna, che piacere vederti qui nel mio blog.
      Spero che tutto vada bene.
      Ciao e buon week end anche a te.
      Tomaso

      Elimina
  23. Ciao Tomaso, grazie per essere passato da me, ti mando un affettuoso abbraccio e ti auguro una buona serata.
    Gabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Gabry, pure io ringrazio te delle tue gradite visite. Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio.
      Tomaso

      Elimina
  24. Grazie caro Tomaso per queste bellissime immagini!
    Un abbraccio e buona serata.
    Ciao
    Luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lucia, ho voluto farvi vedere ciò che ho vissuto il 25 aprile il giorno della liberazione. Ciao e buon fine settimana con un abbraccio.
      Tomaso

      Elimina
  25. Ciao Tomaso, purtroppo oggi il 25 aprile è diventata una festa di partito più che di tutti gli italiani.

    Inoltre si deve festeggiare il 4 novembre, altra giornata importantissima, ma ahimè dimenticata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Alberto, creo che siamo in pochi che sentiamo dentro di noi il vero 25 aprile, noi che lo abbiamo vissuto in quei momenti tracici che aveva sconvolto la nostra Italia.
      il 4 novembre purtroppo lo anno quasi dimenticato, che è quello che uni veramente l'Italia.
      Ciao e buon fine settimana, amico.
      Tomaso

      Elimina
  26. Ciao tomaso .
    Sempre con bel sorriso sulle labbra , ti auguro un felice pomeriggio . Lina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lina, la sai che mi sono messo in testa che sorridendo faccio felice me per primo e poi tutti voi che mi seguite. Buon fine settimana, amica.
      Tomaso

      Elimina

Benvenuti qui cari amici e amiche, se poi volete lasciare anche solo un saluto, sarà sempre molto gradito.