calendario con data e orologio



Net-Parade

Migliori Siti

LETTORI FISSI

mercoledì 8 maggio 2013

FESTA DELLA MAMMA E RADUNO ALPINI A PIACENZA, IO CI ANDRÒ

Eccomi arrivato per chiarire
questa decisione che ho preso. 

Carissimi amici e amiche,
come sapete io se posso sarò sempre presente 
alle adunate nazionali degli alpini.
 Partiremo già venerdì mattina per Piacenza.
Quest'anno cade proprio nel giorno della festa 
della mamma, colgo questo giorno per pubblicare
una semplice storia vissuta, è  un omaggio
alla mia piccola mamma di statura
ma molto grande di una veramamma
il suo grande cuore non conosceva limiti.

 
IL VESTITO DELLA PRIMA COMUNIONE

BUON GIORNO AMICI ED AMICHE,

oggi mi sento in vena di raccontarvi una semplice storia.

Siamo negli anni difficili per tutti, 1937 - 1940, in un piccolo paese che vive a stento; il 90% degli uomini sono emigranti stagionali.
Una massaia per sbarcare il lunario cerca in tutti i modi di guadagnare qualche lira per i suoi cinque figli, facendo la lavandaia per i soldati alloggiati nei vecchi edifici delle scuole. La massaia lavava e stirava, utilizzando ed ogni minuto per il benessere della famiglia.
In quel periodo le scarpe costavano molto e i soldi non erano mai abbastanza.
Un giorno vidi quella signora con un vecchio copertone di bicicletta in mano, a un tratto chiamò uno dei bambini e gli misurò la pianta del piedino e con un vecchio coltello ben affilato ritagliò dei pezzi a forma di piedi; rimasi sorpreso quando vidi che stava lavorando con della vecchia tela di canapa e altri strani ritagli.
Due giorni dopo erano nati un paio di sandali. Fu una cosa geniale per tutta la famiglia, ne confezionò un paio, erano molto leggeri e ci si camminava comodamente.
Le voci si sparsero in fretta ed in paese tutti ne parlavano. Ogni giorno andavano a chiedere alla signora se poteva farne anche per loro e le portavano vecchie stoffe di tutti i tipi. La signora andò da un vecchio calzolaio e gli chiese se poteva avere una vecchia forma di ferro, quella dove si appoggiano le scarpe per ripararle. Il calzolaio guardò nel suo magazzino e le regalò uno di quei ferri. Ricordo come fosse ieri che la donna era felice. Aveva trasformato la piccola stanza dove viveva in un vero laboratorio pieno di forme e misure varie di piedi. Non aveva mai tempo per riposare; quel lavoro le dava una certa sicurezza per i suoi cinque figli.
Un giorno arrivò una signora considerata in paese una persona benestante, portò un pacco con della stoffa e disse: - Maria, guarda se con questa stoffa puoi fare un bel paio di sandali per me e le mie figlie.
Maria, che era il nome della signora che eseguiva questi lavori, esaminò attentamente la stoffa e disse: Tutto si può fare, ma questa stoffa non è duratura; se lei accetta io mi prendo questa staffa e le metto della tela molto resistente e di sicuro verrà bene.
La signora rispose che per lei andava bene.
Maria guardò quella stoffa e vide che era un pezzo molto grande e che forse avrebbe potuto realizzare qualcosa di molto importante.
In paese intanto si stavano facendo dei preparativi per i bambini, perché dopo qualche settimana ci sarebbe stata la prima comunione e tutti pensavano al vestito per i comunicandi.
Detto e fatto, Maria prese il bambino e si recò dal vecchio sarto che in paese faceva di tutto e gli chiese se la stoffa sarebbe bastata per un piccolo giubbino e un paio di pantaloni per il suo bambino che avrebbe fatto la prima comunione. Il sarto prese le misure e con diverse giunture quasi invisibili gli confezionò un vestitino carino. Venne il giorno della prima comunione e anche un povero bambino fece una gran bella figura.
Questa storia sembra una favola, ma è una storia vera.
Ve lo può testimoniare quel bambino,
Perché quel bambino ero io.
Tomaso Scarpel

Spero che vi sia piaciuta questa storia vissuta.
Credo che la mamma meriti anche questa bella conzone!
E chi poteva meglio interpretare se non!
 Luciano Pavarotti

 

A risentirci la  prossima settimana, carissimi tutti/e.
Un abbraccio forte forte con tutto il cuore. 
DIMENTICAVO, CHI SI TROVA 
NEI PRESSI DI PIACENZA,
VENERDÌ POMERIGGIO
SABATO E DOMENICA
QUESTO È IL NUMERO DEL MIO 
CELLULARE  ITALIANO  338 194 61 20
SE QUALCUNO VUOL SCAMBIARE
DUE PAROLE PER UN SALUTO 
MI FAREBBE VERAMENTE PIACERE

55 commenti:

  1. Il raduno degli alpini mi ricordo quando si è svolto qua a Cremona........se riesco ti telefono per un salutino e chissà se riesco a fare anche un giretto a Piacenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Robby, sentire questo mi da ancora più coraggio di andare a Piacenza.
      Ciao e buon pomeriggio cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  2. ci credo eccome che sia una storia vera!
    una volta queste storie venivano vissute da tanta gente.
    ti auguro un buon divertimento per il raduno, ciao, a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Giglio, è una storia che a forgiato anche me, ciò che ho imparato da mia mamma, lo ho portato per tutta la vita! L'onestà e la volontà di non arrendersi mai.
      Grazie del tuo augurio per l'adunata, sono sicuro che andrà bene, buon pomeriggio.
      Tomaso

      Elimina
  3. Ho sempre invidiato voi alpini Tom per i vostri raduni...purtroppo non sono vicino a Piacenza...altrimenti...
    Ciao e buon raduno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Pino non tutto si può avere! io mi ricorderò di te quando sarò a Piacenza.
      Ciao e buon pomeriggio, amico.
      Tomaso

      Elimina
  4. Ma perchè amico mio, quando parli del tuo passato mi fai lacrimare ? Hai avuto una mamma stupenda che ti ha insegnato tutti i migliori valori della vita.
    Mi dispiace non poterti vedere a Piacenza ma dalla montagna non ho intenzione di spostarmi ... sarà per una prossima volta quando arrivi nel nostro bellissimo Friuli.
    Un forte abbraccio amico mio
    Mandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosetta, non sei la sola, io pubblicando quella storia avevo un nodo alla gola, pensavo fortemente alla mia cara mamma.
      Parlando dei raduni Nazionali, lo sai che quest'anno prossimo è già stato stabilito che sarà nel Friuli! Precisamente a Pordenone.
      Naturalmente è un po l'ontano da te!!!
      Ciao con un forte abbraccio cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  5. Ho ritrovato nella storia che con semplicità, verità e commozione ci racconti la storia della zia di mia madre, diventata calzolaia in tempo di guerra . Anch'io ne ho fatto un breve racconto(Le scarpe in mano,. Molto prima di pubblicarlo nel mio blog l'ho raccontato ai piccoli allievi: erano incantati. Non dobbiamo mai stancarci di far conoscere ai giovani il tesoro della lezione di vita che ci viene dal passato.
    Buon raduno alpino
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Marilena, in quel difficile periodo la povertà era di casa ovunque in Italia, immagino la storia di tua zia come potrà essere stata, per sopravvivere, si cercava di tutto, bisognava inventarsi sempre qualcosa.
      Mai mamma è stata una grande donna e ci ha lasciato un patrimonio! cioè l'onestà e la volontà di non arrenderci mai.
      Ciao e buon pomeriggio cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  6. Ciao Tomaso complimenti per la decisione d'andare con gli alpini, ma non stancarti troppo come l'anno scorso.))
    la storia che hai raccontato e' sempre molto emozionante, complimenti per tutto, sei fantastico, buona giornata a presto rosa.))
    Spero che tu incontri degli amici blogger, sarebbe ancora piu' bello.))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosa, la lezione che ho avuto a Bolzano non succederà più, mi porterò della roba mia, così sarò sicuro di potermi coprire bene alla notte. Sarebbe una cosa meravigliosa di poter conoscere qualche amico blogger, ma sarà molto difficile con quella confusione.
      Ciao e buon pomeriggio cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  7. Che bella mamma, caro Tom, !

    Mi sono emozionata tantissimo.

    Auguri a lei e a tutte le mamme del mondo.

    Buon raduno, caro amico.

    Abbaccio grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Gianna, tante volte penso alla mia cara mamma, e a quante cose io ho imparato da lei, il distino mi ha portato all'estero, e se mi è andato tanto bene lo devo a lei, i suoi insegnamenti mi hanno sempre aiutato.
      Parlando dell'adunata! Mi ricordo quella di Torino, li è stato meraviglioso incontrarvi.
      Un abbraccio forte forte cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  8. Tomaso.. che emozione..
    Mi hai fatto commuovere..
    Io a Piacenza non potrò esserci però ti darò uno squillo..
    Un abbracco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mary, che piacere sentire questo,
      la telefonata però non deve essere domenica mattina perché durante la sfilata è impossibile rispondere.
      Ciao e un abbraccio forte cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  9. ma Tomaso.... Piacenza è la mia città natia, io ora abito in provincia, so che la città in quei giorni sarà praticamente blindata, ci si aspetta una ondata pazzesca di alpini in città, ma anche in tutti i paesi limitrofi ....anche qui nella mia zona ci sono tutte le bandiere e i benvenuti agli alpini, io ti telefono sicuramente ma chissà se nel frastuono riuscirai a sentirmi??? ci provo!!!!!!!!!!!!!!!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Fiore, sarà sempre molto rumoroso, ma se ci provi al mattino di sabato forse sarebbe l'ideale, comunque come vada sono contento che ci proverai Un abbraccio forte.
      Tomaso

      Elimina
  10. Tomaso il racconto della tua mamma è emozionante , io nn rieco come te a scrivere i vei ricordi della mia perchè se ci penso mi viene sempre da piangere ....mi manca troppo :-(
    un abbraccio grandissimo a tutte le mamme del mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Fiore, come ti capisco! io pure ora che ne parliamo, ricordo la mia mamma e un nodo alla gola mi impedisce di parlare.
      Un abbraccio senza fini cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  11. Come diceva mia nonna paterna "in tempo de guera ne avemo viste tante e avemo patio tant". Tua mamma è stata straordinaria.

    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Kylie, erano momenti duri!!! Ma ci hanno insegnato tanto, mia mamma ci ha lasciato una eredità infinita! L'onestà...
      Un bacione forte cara amica, sono commosso.
      Tomaso

      Elimina
  12. Mi è piaciuta molto la storia d'amore e di ingegno della tua mamma. Grazie di averla condivisa. A presto. Ely

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ely, è una storia che è scritta con il cuore, la mia mamma, sapere che era analfabeta cresciuta ne Montello , dove le era impossibile andare a scuola, la sua buona volontà dopo appena sposata nel 1921 mio papà gli a insegnato a scrivere per poter avere contatto con lei nei lunghi mesi che andava a lavorare lontano da emigrante.
      Tanto per farti capire che donna era!
      Ciao e buona serata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  13. Infaticabile, Tomaso, sia per te un'altra lieta giornata! E grazie per altri insegnamenti di vita che qui ci dai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Adriano, nella vita la fatica non si sente, quando è necessaria, lo abbiamo imparato dai nostri vecchi, mai stanchi.
      Ciao e buona serata caro amico.
      Tomaso

      Elimina
  14. Sono molto contenta che tu abbia deciso di andare al raduno degli alpini! Poi ci dirai come è andato il viaggio.
    E il tuo racconto del vestito della prima comunione è commovente, pieno di amore...amore di una mamma per il suo figliolo.
    Hai avuto una dolcissima mamma, caro Tomaso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maris, spero di poter fare delle foto ricordo a Piacenza, per il viaggio posso dirti che noi di Zurigo ci spostiamo con due pulmini da 8-9 posti, sempre molto comodi.
      Per il mio racconto, che ho pubblicato è una storia vissuta, io avevo 7-9 anni.
      La mia mamma ci ha insegnato vivere sempre con onestà e con coraggio.
      Ciao e buona serata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  15. Tomaso sei proprio una cara persona!
    Divertiti al raduno, poi ci dirai com'è andata ;)
    Un abbraccio.
    Miky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Miky, io lo spero di divertirmi, sperando di farcela, vorrei tanto essere in sfilata, spero di sentirmi bene.
      Ciao e buona serata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  16. Sono, come si dice, a casa del diavolo, quindi niente Piacenza e niente alpini. Ma so che ci racconterai tutto al rientro nel paesino da favola.
    Il racconto è la cronaca di vita vissuta, in tempi prossimi a quelli delle vite perdute.
    Commovente, sarebbe bello fosse anche insegnamento alle generazioni attuali, ormai aduse al benestare a tutti i costi.
    Ciao, Tomaso, buon raduno e non strapazzarti troppo che poi dovrai essere in forma per raccontare.
    (Se non ci saranno intoppi, una sorpresina conto di fartela).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Pietro, penso proprio che il raduno vada bene come lo è sempre stato io sono moltissimi anni che ci vado, e ogni anno è sempre una emozione di esserci.
      Parlando del mio racconto, spero che qualche giovane lo legga e che ci rifletta...
      Con l'ultima frase che termini il commento, mi dai una speranza! E forse il raggio di luce. Ciao e buona serata caro amico.
      Tomaso

      Elimina
  17. Il tuo racconto di vita è proprio bello, cosa non farebbe una mamma per suo figlio... L'ingegno delle mamme è unico! Buona festa degli alpini.! Bacioni *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Saray, ciò che ci ha dato la nostra mamma, non è solo la vita ma ci ha insegnato come saperla affrontare in ogni situazione.
      Grazie, e spero proprio che l'adunata sia sempre bella come le altre fatte.
      Tomaso

      Elimina
  18. Buon raduno Tomaso,non stancarti!Le mamme in quei tempi erano instancabili e quanta fantasia avevano!OLGA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Olga grazie di esserci anche qui!
      Viva gli alpini!!! Le mamma ci hanno insegnato vivere con orgoglio e dignità.
      Un abbraccio forte cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  19. una gran mamma davvero, mi ha commosso molto questo racconto che pare una favola, erano tempi duri, ma lei vi ha insegnato i valori veri della vita.
    Buon raduno e non stancarti troppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Adriana, lo sai che tante volte mi domando! Come ho fatto io cavarmela così bene sempre nella vita, la risposta è gli insegnamenti di una mamma che non si arrendeva mai, la storia lo dimostra.
      Ciao e buona serata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  20. Ciao caro Tomaso, sono d'accordo con te che gli insegnamenti della mamma sono tutto...e chi ha avuto la grande fortuna di goderla per tanti anni, deve ritenersi molto fortunato!
    Tantissimi auguri per il raduno, io sarò abbastanza impegnato con la musica, quest'anno la festa degli anniversari di matrimonio (che viene celebrata in chiesa) coincide con la festa della mamma...e quale canzone meglio la rappresenta ,se non quella interpretata da Pavarotti?

    Un forte abbraccio, caro amico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Leonardo, io con mio padre ho avuto poco tempo, il perché con la sua vita da emigrante lo vedevamo due mesi all'anno.
      Il rapporto con la mamma è stato molto forte, lei per confortarsi chi il marito era assente per forza maggiore ci teneva sempre stretti e ci insegnava con dolcezza per farci conoscere la vita, posso dire che lei è l'artefice se noi abbiamo superato le difficoltà della vita.
      Parlando del raduno, tu conosci bene come avvengano, lo hai potuto vedere a Torino, se anche è molto caotico ma da molta emozione, quanto ho capito tu pure hai delle feste importanti, io ti auguro che sia una giornata indimenticabile.
      Un abbraccio forte forte.
      Tomaso

      Elimina
  21. Mi hai fatto commuovere Tomaso con il tuo racconto. E' bellissimo il ricordo della tua mamma. Buon divertimento al raduno, un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Federica, credo che tu conosca bene la mia vita, non tutti gli episodi di me vissuti
      li posso ricordare, posso solo dire che ci ha insegnato altro che cose molto buone.
      Grazie per l'augurio dell'adunata, spero proprio che rimanga come le altre immemorabile. Un abbraccio forte.
      Tomaso

      Elimina
  22. Le mamme sono il sale della vita ,tu hai avuto una grande mamma e sei stata fortunato.Anche la mia mamma è meritevole d'elogio.Speriamo che anche su me i miei figli diranno belle frasi.Buona festa degli alpini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cettina, tutti abbiamo imparato molto dalle nostre mamme, il nostro periodo d'infanzia è stato molto difficile, solo con una mamma che a dato tutto per alleviare a tutti noi le difficoltà e per darci un pezzo di pane per sopravvivere.
      Speriamo che gai nostri figli rimanga un bel ricordo anche di noi.
      Grazie degli auguri, io lo so che al raduno di noi alpini ci troveremo sicuramente bene.
      Buona giornata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  23. Molto bello il ricordo della tua mamma.
    Salutoni a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Cavaliere, grazie di esserci anche in questa belle storia, che ricorda la mamma.
      A risentirci la prossima settimana, amicp.
      Tomaso

      Elimina
  24. è una storia bellissima che nostalgia di quella gente che sapeva fare tutto e chi si impegnava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Carmine, ci hanno insegnato che nella vita bisogna sempre combattere e non arrendersi mai. buona serata, amico.
      Tomaso

      Elimina
  25. Ciao Tomaso la tua storia e sempre commovente
    queste parole sono stampate all'interno del nostro cuore, ti auguro una buona sfilata
    come sai io a malincuore sarò assente, purtroppo
    non mi sono ancora ripreso completamente,
    se passi da me potrai leggere la storia
    della Maria dal "Bosc"

    un forte abbraccio

    Tiziano.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tiziano, credo che un po ti ricordi le infinite capacità della nostra mamma, immagina quando ti ancora non ceri ci a insegnato tutto ciò che nella vita era necessario per fare vedere le nostre capacità.
      Passerò a vedere quello che hai scritto, nostra mamma era e sarà unica!
      Un abbraccio forte e buona serata.
      Tomaso

      Elimina
  26. Caro Tomaso, sono contento che si siano create le condizioni per la tua partecipazione all'adunata degli alpini a Piacenza. Ti auguro di trovare tanti commilitoni conosciuti in gioventù Già che ci sei saluta la città di Piacenza da parte di Illario che nel 1955 vi ha soggiornato per quattro mesi. Bello il racconto su tua mamma e bellissima anche la poesia di Tiziano

    RispondiElimina
  27. Grande Donna la tua mamma.
    Anche la mia mamma mi raccontava di quel triste periodo.
    Un in bocca al lupo per la tua partecipazione.
    Rakel

    RispondiElimina
  28. Caro Tomaso, ti do il numero di cellulare di Paolo Gai mio cognato fratello di Elena nel caso potesse servirti. 334.3840374. Un saluto
    Illario

    RispondiElimina
  29. Ma sai che mi hai commosso, sembra proprio una favola. Grande donne.. di altri tempi...hai avuto un bel pensiero!
    Goditi la festa degli alpini.
    Ciao a risentirci, Stefania

    RispondiElimina
  30. Caro Tomaso, mai dire banzai !, per Pordenone si può fare un pensierino ... l'unica cosa che può trattenere mio marito, è la confusione.
    Manca ancora 1 anno.
    Un abbraccio amico mio e tanti auguri per la festa della mamma alla tua Danila (Grande Donna).
    Mandi

    RispondiElimina

Benvenuti qui cari amici e amiche, se poi volete lasciare anche solo un saluto, sarà sempre molto gradito.