calendario con data e orologio



Net-Parade

Migliori Siti

LETTORI FISSI

giovedì 4 aprile 2013

ECCO IL DECIMO CAPITOLO

DECIMO CAPITOLO 
L'INIZIO DELLA MIA FAMIGLIA
 Ai primi di febbraio 1957 partimmo sapendo che sarebbe stata una vita difficile, ma eravamo insieme nel nostro cuore cera tanta fiducia di noi stessi, la fortuna ci ha un po’ assistito, arrivati a Zurigo abbiamo trovato subito un piccolo monolocale, in centro città. La Danila incominciò il suo lavoro come aiutante cuoca, io mi mise subito per cercare lavoro sperando prima possibile di trovarlo, poi di ottenere il permesso della polizia degli stranieri. Dopo aver girato da diverse fabbriche, finalmente una fabbrica panelli per insolazioni mi a fatto visitare i diversi reparti, stavo sulle spine ancora non mi avevano detto che mi avrebbero assunto, io lo speravo tanto anche perché avevo visto che c'erano tanti italiani in quella fabbrica, ritornati in ufficio arrivò un distinto signore, di sicuro era il direttore mi feci accomodare, parlava il perfetto italiano mi disse che mi avrebbero assunto dovevo solo aspettare un loro avviso oppure passare io, due giorni dopo, non aspettai il loro avviso avevo troppa fretta per sapere, lui mi aveva detto che avrei di sicuro avuto il permesso dalla polizia degli stranieri, così fu, tre giorni dopo iniziai a lavorare pieno di buona volontà. Dopo 2 settimane mi chiamarono in ufficio, il direttore mi disse che avevano pensato a me perché avevano visto che avevo molta iniziativa e che stava arrivando una nuova macchina per pressare il pannelli dove occorrevano 4 operai io sarei stato quello principale per il controllo del pannello di comando, ero molto emozionato, il direttore se ne subito accorto, mi disse questa è una grande famiglia e tutti siamo importanti, io sono il direttore ma per tutti sono Meier, gli risposi in tedesco quelle due parole che sapevo, jà herr Meier, mi fece un sorriso, non avrei mai pensato di aver trovato-Diciamo la fortuna la vita mi sembrò cosi bella, avevo molta paura che non durasse. Segui un corso per conoscere il funziona-mento di questa grande pressa, non immaginavo che fosse cosi facile controllare i vari interruttori e deviatori. Passarono i mesi e vedi che il mio lavoro in fabbrica andava bene, io e la Danila eravamo felici se anche rimaneva quel problema, non sapevamo ancora se la nostra nuova famiglia come si avrebbe potuto in-cominciare, i permessi restrittivi che offriva le autorità svizzere non erano tanto sicure, avere bambini erano problemi, pensammo di aspettare almeno un paio di anni. Il 1957 inizio bene io contento del mio lavoro, solo che non eravamo troppo contenti del lavoro della Danila, gli orari di lavoro ci portava via tanto tempo per noi. Era troppo tardi terminare tutte le sera alle 10.00 e oltre, comunque andava avanti lo stesso. Della gente che erano qui molto prima di noi ci informarono che c'erano delle possibilità di cambiare, bastava ottenere un certificato medico. In-cominciammo a parlarne con il dottore di famiglia, gli abbiamo fatto capire che la Danila causa questi orari si trovava molto depressa, e che il mangiare della cucina senza fissi orari le davo molto fastidio al suo intestino, così incominciarono visite di controllo per vedere se veramente lei ne soffriva, vedendo che la cosa andava un po’ alla lunga, chiesi io un colloquio con il dottore, molto gentile mi feci accomodare, subito mi disse signor Scarpel quello che chiede è molto difficile. Lo guardai e gli dissi, lei ha famiglia? Mi rispose si! io ancora non ce lo! e non potrò mai averla fino quando mia moglie non avrà un lavoro normale, gli dissi siamo giovani noi vogliamo essere una vera famiglia e avere figli, se lei ha un cuore e pensa un po’ tutto sarà possibile. Mi guardò sorridendo e disse vediamo quello che posso fare, una settimana dopo la Danila fu chiamata ha una visita speciale,nella sede dell’istituto universitario, la cosa andò più facile dell’imprevisto, un certificato che dichiarava che per varie ragioni era autorizzata a cambiare lavoro, otto giorni dopo aveva già un permesso nuovo. Trovò subito un posto in una fabbrica dove lavoravano la lana. Passò il 1957 molto in fretta tutto incomincio ha sembrare meno difficile la Danila si trovò molto bene del suo lavoro, io al sabato per guadagnare qualche cosa in più lavoravo dal giardiniere che era rimasto molto contento di me l’anno precedente, non abbiamo fatto le ferie siamo rimasti sempre in Svizzera, anche quello per poter mettere da parte qualche franco in più. Rinunciammo di rientrare in Italia a Natale, io ero triste dovevo ammettere che il mio sogno di fare il fotografo si stava allontanando sempre più. All’inizio del 1958 acquistai una vespa 125 per poter meglio spostarmi quando andavo a lavorare, fu il primo passo che ci diede delle piccole soddisfazioni, alla fine settimana si andava a trovare conoscenti di Sernaglia special-mente il marito di mia sorella, lui era stagionale lavorava in un altro cantone ha circa 80 Km. Per poter guidare la vespa che faceva parte della categoria motociclette dovetti fare un esame di pratica e di teoria per ottenere la patente, la mia patente italiana della macchina non era riconosciuta in Svizzera, tutto andò per il meglio. Il mese di luglio 1958 andammo in ferie in Italia “ in vespa, 16 ore di viaggio, eravamo proprio matti cioè, ben forgiati” A Sernaglia capi che tutto il laboratorio che usavo prima non era più utile, così spedii tutto per la Svizzera, per poter sviluppare le negative e per stampare foto con l’ingrandito-re che usavo in camera oscura, fu come una grande avventura, se anche non avevo il permesso di esercitare come fotografo, ebbi un’idea che come dilettante avrei potuto fare qualche cosa, c’è un detto, “sei italiano! Arrangiati”. Cosi iniziò anche questo lavoro, al sabato e domenica facevo fotografie per degli italiani per esempio, battesimi prime comunioni e pure qualche matrimonio, per poter stampare le foto alla sera trasformavo la piccola cucina in camera oscura la Danila mi aiutava quando sviluppavo le foto ce sempre molto da fare la cosa più difficile era asciugarle avevamo risolto il problema mettendo le foto bagnate stese su dei grandi asciugamani poi coperte con altri asciugamani, al mattino erano bene asciugate, solo non le potevo farle lucide, questo lavoro era molto redditizio, dovevo stare molto attento di non lasciare ricevute, di denaro ricevuto per non rischiare delle salatissime multe. Alla fine di dicembre la Danila mi informo che era incinta, subito rimasi un po’ stordito, passato il primo momento mi sono sentito felice di diventare papà. Con questo sorriso Danila mi annunciò che stava aspettando un bambino. Un forte abbraccio a tutti/e, Tomaso

60 commenti:

  1. Bravo Tomaso,non sei mai stato con le mani in tasca!Buonanotte da Olga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Olga, non é stato facile ma con la forza di volontà, mi é andata sempre bene. Sicuramente anche con un po di fortuna. Buone notte anche a te cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  2. Caro Tomaso, ho letto tutti i capitoli che hai scritto fino ad ora e devo dire che l'emozione è grande....Certo che non è stato per niente un periodo facile quello della guerra.
    Mi ha fatto tantissimo piacere leggerti e aspetto i prossimi capitoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Any, ho appena risposto nel vecchio post. Mi fa molto piacere che stai leggendo i miei vecchi post, questi capitoli che ora ripeto sono stati pubblicati oltre 4 anni fa, ora li ho ripetuti, per farli conoscere a tutti gli amici arrivati da me dopo quel periodo.
      Buona giornata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  3. notte Tomaso
    i tuoi racconti di vita mi fanno stare a bocca aperta, hai fatto una vita dura però la forza di volontà, l'amore ha sempre vinto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Robby, è bello sentire che vi piacciono questi racconti della mia vita vissuta. Con tenacia ho sempre affrontato ogni situazione, che poi mi ha sempre premiato. Buona giornata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  4. Ma che bella questa parte con l'annuncio di diventare papà!!! Certo che il lavoro era impegnativo per tutti e due, ma almeno il lavoro c'era adesso invece i giovani lavoro non ne trovano e tutto è ancor più difficile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Adriana, devo dirti che anche a quei tempi il lavoro non cera! Io per questo ho emigrato, poi devo dire che sono stato anche fortunato, non dimenticare che ci vuole una certa determinazione e molto coraggio in certi casi.
      Buona giornata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  5. Ciao Tomaso chissa' che emozione sapere che stava arrivando un bambino, Danila e' raggiante nella foto, complimenti a tutti e due,siete due grandi lavoratori che non si fermano davanti a niente pur d'arrivare agli obiettivi previsti, quello di creare una famiglia , grazie, bella storia. tu sei fortissimo, una fibra di Titanio.)) buon week end a presto rosa ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosa , grazie dei tuoi complimenti, e delle belle parole nei nostri riguardi.
      Certo che abbiamo avuto una parte di fortuna! Ma se bene pensi noi l'abbiamo creata questa fortuna con i sacrifici.
      Ciao e buona giornata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  6. Mamma mia nonnetto...la storia di una vita e' la cosa piu' emozionante....quante avventure...avventure che fanno crescere,maturare,disperare e sperare Sempre!!!Grazie per il commento e buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Raffaella, è sempre un piacere sentire i tuoi pareri della mia vita vissuta con molte difficoltà! Ma che alla fine siamo stati premiati.
      Ciao e buona giornata, con buona vita.
      Tomaso

      Elimina
  7. .. è sempre un piacere leggerti. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro Fernando di esserci.
      Tomaso

      Elimina
  8. Un racconto di vita vera che mi riempie di tenerezza. Avventure da emigrante che conosco di riflesso...ne parlo un poco nel mio ultimo post. Un mio cuginetto è cresciuto con i nonni perché i suoi genitori, emigrati a Basilea, non potevano portarlo con loro...un vero strazio.
    Ciao Tomaso, è sempre un piacere leggerti. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sandra, per me è un piacere sentire, che questi miei racconti di vita vissuta,
      voi li capite veramente. Grazie amica.
      Buon fine settimana anche a te.
      Tomaso

      Elimina
  9. Che dolcezza nel sorriso di tua moglie, caro Tomaso!! Dopo aver atteso un pò di tempo deve essere stato bellissimo sapere che stava arrivando un bambino!!
    Sono gioie che se non si provano non si possono capire. Essendo io mamma di due bimbi comprendo che sensazione si ha. E' meraviglioso!
    Aspetto le altre puntate della storia con ansia, buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maris, solo che ha provato queste emozioni può capire!!!
      Grazie cara amica di esserci in questi miei racconti di vita vissuta.
      Buon pomeriggio, con un abbraccio.
      Tomaso

      Elimina
  10. Dolce il sorriso nel darti la notizia...bravo Tomaso bel racconto di vita un abbraccio e buona fine settimana.
    PS.
    Ho preso il tuo banner.
    Edvige

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Edvige, sono cose che non si dimenticano mai, ora che ne parlo sento ancora quel nodo di felicità, provato.
      Mi fa piacere che tu abbia preso il mio banner, la foto ricordo è bellissima sul banner. Buon pomeriggio cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  11. Un'altra puntata eccezionale della vostra vita vissuta insieme!
    Lo scatto di tua moglie sorridente riempie la casa!
    Buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si cara Beatris, se ci penso ancora oggi mi viene un timido sorriso...
      Ciao e buon pomeriggio cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  12. Che emozione..
    Il sorriso di tua moglie è un abbraccio che scalda..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mary, l'emozione la provo ancora oggi, quando guarso questa foto.
      Sono cose indelebili nei nostri cuori.
      Buon pomeriggio cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  13. Risposte
    1. Buon fine settimana anche a te cara Olga.
      Tomaso

      Elimina
  14. ..che ricordi ..Tommaso.. erano proprio altri tempi, bastava poco per sentirsi felici, vero?
    Buon fine settimana, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si cara Stefania, con poco per non dire niente eravamo felici!!! apprezzavamo molto la vita, dico sempre la vita è bella.
      Tomaso

      Elimina
  15. ho letto con piacere la storia di una lunga vita piena di sacrifici che l'amore ha ripagato in pieno,un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si cara Gabe, è vero, tanti e tanti sacrifici, che miravano solo ad un traguardo! Una buona e sana famiglia...
      Oggi posso dire che sono stato premiato.
      Buona serata con un abbraccio forte.
      Tomaso

      Elimina
  16. ...che bei ricordi...una vita, una storia,tante emozioni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Iolanda, la vita ci da tanto, bisogna solo guadagnarlo.
      Io con la mia tenacia e naturalmente con un po di fortuna, la ho veramente avuta.
      Ciao e buona serata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  17. Ecco un altra bella puntata della vita tua!!!
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Cinzia di esserci.
      Buon fine settimana, amica.
      Tomaso

      Elimina
  18. ora che il mio fastidioso disturbo all occhio migliora devo assolutamente leggermi tutti i capitoli della tua 'saga' familiare caro Tomaso, grazie x esserci sempre da me, un abbraccio e ...ora ti voto ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Fiore, sono contento di sentire che i tuoi occhi vanno meglio, così potrai con tranquillità leggerli tutti i miei capitoli. Fa veramente piacere sentire che a molti piacciono questi semplici racconti di vita vissuta.
      Buon fine settimana cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  19. Che belli i tuoi racconti, ci rimango male quando finiscono, però attenderò il seguito...che vita dura che avete dovuto sopportare, però quanta serenità e quanto amore tra voi due....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maria Luisa, ne rimangono ancora due, e ti assicuro che finiranno molto bene. Grazie cara amica di esserci.
      Tomaso

      Elimina
  20. E' sempre molto piacevole leggerti Tomaso. Un abbraccio, buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Federica, per me è un piacere sentire questo.
      Buon fine settimana cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  21. Ciao Tomaso,
    complimenti, sempre interessanti i tuoi racconti.
    Un caro saluto da me e dal Guardiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Giovy, dei vostri complimenti.
      Vi lascio un abbraccio forte ad entrambi.
      Tomaso

      Elimina
  22. Quante peripezie vero Tomaso ?, ma ne è valsa la pena, erano altri tempi e vi hanno temprato per il futuro.
    Certo che a raccontarle dopo 50 anni di vita insieme, è stupendo e si capisce il vostro legame molto forte.
    Un grande abbraccio a te e Danila.
    Buon fine settimana
    Mandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosetta, quando due anime si intrecciano, nulla le potrà separare!!!
      Solo la morte!
      Buon fine settimana cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  23. Quanta fatica e speranza nella tua storia. Tu però non ti sei mai perso d'animo, credo che essere in due a sostenersi sia stato determinante per farcela. La buona volontà, l'umiltà e l'amore sono tre forze che messe insieme cambiano la vita, anche quella più dura.
    Buona domenica Tomaso ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Saray, credo che tu abbia messo assieme quei motivi che mi hanno dato quella forza di volontà che nulla mi avrebbe fermato, sicuramente la buona volontà! l'umiltà! e l'amore nulla è impossibile.
      Buon fine settimana cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  24. Grazie Tomaso per condivider le tue emozioni con noi...
    Sereno fine settimana,amico caro
    Ros

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Ros, la tua presenza qui mi fa tanto piacere.
      Buon fine settimana cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  25. Rileggo con molto piacere,questi racconti che mi hanno catturata un pò di tempo fà,buon fine settimana a tutta la famiglia a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Terry, mi fa piacere sentire che te li sei riletti i miei racconti di vita vissuta. Ciao e buona domenica.
      Tomaso

      Elimina
  26. Ti auguro una domenica semplice, fatta di piccole cose…
    un giorno in cui tu possa ritrovare cio’ che hai sempre avuto e guardarlo con gli occhi meravigliati e stupiti, come se si trattasse della prima volta… il viso di chi ami,
    l’abbraccio di chi hai nel cuore.. Buona Domenica!


    ▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄
    ▄▀▄▀▄▓▓▓▄▀▄▓▓▓▄▀▄▀▄
    ▄▀▄▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓▄▀▄
    ▄▀▄▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓▄▀▄
    ▄▀▄▀▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓▀▄▀▄
    ▄▀▄▀▄▀▓▓▓▓▓▓▓▀▄▀▄▀▄
    ▄▀▄▀▄▀▄▀▓▓▓▀▄▀▄▀▄▀▄
    ▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄
    ▄▀▄▀▄███▄▀▄███▄▀▄▀▄
    ▄▀▄█████████████▄▀▄
    ▄▀▄█████████████▄▀▄
    ▄▀▄▀███████████▀▄▀▄
    ▄▀▄▀▄▀███████▀▄▀▄▀▄
    ▄▀▄▀▄▀▄▀███▀▄▀▄▀▄▀▄
    ▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄
    ▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄
    ▄▀▄▀▄░░░▄▀▄░░░▄▀▄▀▄
    ▄▀▄░░░░░░░░░░░░░▄▀▄
    ▄▀▄░░░░░░░░░░░░░▄▀▄
    ▄▀▄▀░░░░░░░░░░░▀▄▀▄
    ▄▀▄▀▄▀░░░░░░░▀▄▀▄▀▄
    ▄▀▄▀▄▀▄▀░░░▀▄▀▄▀▄▀▄
    ▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄
    ▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄▀▄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mirti, un grazie infinite della gradita visita, in questo tempo ci troviamo molto in difficoltà! stiamo preparando tutto per il trasloco, e sai dopo quasi 50 anni che siamo qui immagina quante cose saranno da buttare...
      Ciao e buona domenica cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  27. buona domenica Tomaso a te e tutta la tua famiglia!
    lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Lucia, grazie della buona domenica. Credimi siamo ingarbugliati per mettere a posto la roba per il trasloco.
      Siamo sfiniti sentiamo la vecchiaia.
      Buona domenica anche a te.
      Tomaso

      Elimina
  28. La nascita di un figlio è sicuramente la più bella sorpresa.
    Serena domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Cavaliere, ci sono momenti, parole e situazioni che rendono ogni parola la felicità completa. Ricordo quel giorno come fosse ora, stava ordinando il piccolo cucinino, si Girò dicendo quelle parole!!! Buon pomeriggio cara amico.
      Tomaso

      Elimina
  29. Ciao Tomaso, l'avventura continua, quindi. Un caro saluto perché sono di fretta. Ci prepariamo per partire a Venezia sino al 16 compreso. Sembra che il tempo non sarà troppo favorevole e che debba piovere almeno due giorni. Pazienza porterò i miei amici a vedere molti musei ed altrettante esposizioni. Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Elio, ti ti stai preparando per un bel viaggio che ti auguro che per voi il tempo faccia un'eccezione, e che potiate andare in giro senza pioggia.
      Io invece sono intavolato con la preparazione del trasloco, tra cartono e pacchi da preparare, solo quando cambi casa te ne accorgi quanta roba hai. Buon pomeriggio caro amico.
      Tomaso

      Elimina
  30. Caro Tomaso... mi scuso ma il computer si era bloccato, finchè ti scrivevo un commento e per sbaglio ho inviato il commento sbagliato....
    la storia della tua avventurosa vita è sempre molto affascinante ... e ricca di insegnamenti... un percorso che ha portato te e tua moglie ad essere le due splendide persone che siete oggi!
    Un forte abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Monique, mi fa piacere vedere che anche te piace i miei racconti di vita vissuta.
      Con a fianco la mia dolce metà é stato facile sopportare tutto, e reallizzare i nostri sogni.
      Ti auguro un buon inizio della settimana cara amica.
      Tomaso

      Elimina

Benvenuti qui cari amici e amiche, se poi volete lasciare anche solo un saluto, sarà sempre molto gradito.