calendario con data e orologio



Net-Parade

Migliori Siti

LETTORI FISSI

mercoledì 24 aprile 2013

25 APRILE FESTA DELLA LIBERAZIONE

25 APRILE 1945 IO CERO

Buon giorno amici e amiche, 
Il 25 Aprile è un giorno veramente speciale, 
io che il 25 aprile 1945 avevo 15 anni 
lo vissuto intensamente, chi non cera non potrà
 mai capire cosa vuol dire la fine di un incubo!
 Ecco una foto di quei tempi!
Ricordo che quel pullover che indosso
non era ancora finito ci mancavano i bottoni,
la mia mamma me lo fissò con il filo.
( leggete la mia vita) 
li forse capirete cosa intendo dire. 
Non voglio allungarmi oltre. 
Un forte abbraccio a tutti/e. 

50 commenti:

  1. Io, nel mio piccolo, ci provo, Tomaso, a capire com'era la fine di quell'incubo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Adriano,è difficile esprimere in parole cosa sentivamo dentro di noi, quando abbiamo capito che era veramente tutto finito.
      Ciao e buon 25 aprile caro amico.
      Tomaso

      Elimina
  2. Ciao Tomaso
    un abbraccio anche a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Robby grazie di esserci anche tu, in questo giorno indimenticabile.
      Caio e buon 25 aprile cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  3. Lieta del tuo ritorno Tomaso.

    Io ancora non ero nata ma ho sentito raccontarlo talmente tante volte da chi c'era, che ancora adesso il ricordo mi emoziona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Krilù, guardando cesti vecchi spezzoni di video, si vedono la gente in piazze che con giubilo festeggiano quei indimenticabili momenti, ma non si può capire che cosa si ha provato quei momenti dentro di noi.
      Ciao e buon 25 aprile cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  4. Risposte
    1. Cara Artemisia, no non sono grande! Ho avuto la fortuna di esserci!!! la fortuna mi a veramente assistito nei momenti più difficili, negli attentati.
      Ciao e buon 25 aprila cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  5. Ciao Tomaso, chi ha vissuto in prima persona, come te, questi eventi, difficilmente li dimentica, immagino la felicita' dopo anni passati nell'incertezza e nella paura, possiamo solo immaginare, noi venuti dopo, speriamo che non succedano piu' cose cosi' tristi in avvenire, lasciano il segno per tutta la vita, ciao buon 25 aprile a te a presto rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosa, oggi pensando a quei tempi, mi dico fortunato quanti dopo aver provato certe umiliazioni non ci sono più per ricordare con gioia che tutto era finito.
      Ciao e buon 25 aprile cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  6. Caro amico, io quei momenti non li ho vissuti, ma i racconti dei vecchi, racconti molto toccanti come i tuoi, li ho sentiti e ancora adesso li ricordo.
    Però è sempre bene ricordare, per evitare nuove atrocità come quelle passate.
    Buon 25 aprile.
    Mandi Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosetta, credo che con le parole sia difficile saper esprimere cosa voleva dire la fine di un incubo interminabile.
      Ciao e buon 25 aprile cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  7. Buongiorno Tomaso, immagino che ricordi hai di quel periodo, un ragazzo di 15 annni in quel periodo era già grande, si maturava in fretta perchè la sopravvivenza fa crescere in fretta. Bello vedere il sorriso nella tua foto, segno di speranza...i giovani sanno essere speranzosi? a volte sì! Buon 25 aprile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Fabi, sono stati momenti che è difficile esprimerli in parole, quel giorno abbiamo capito che l'incubo era finito. Ciao e buon 25 aprile, amica.
      Tomaso

      Elimina
  8. Sono contenta che sei tra noi,buon 25 aprile!Olga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Olga è veramente bello vedervi tutti qui, oggi il 25 aprile la fine di un incubo per quelli che cerano.
      Buon 25 aprile cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  9. Io conservo i racconti dei miei nonni che hanno vissuto quei terribili momenti.

    Buon 25 aprile!

    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Kylie, fai bene a conservarli e cerca di trasmetterli alle generazioni che verranno, che le ha veramente vissute sa cova voleva veramente dire la fine dun incubo che sembrava senza fine.
      Ciao e buon 25 aprile cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  10. I ricordi sono parte di noi!
    La tua foto ricordo è splendida!!!
    Un gran bel ragazzo!!! I miei complimenti!
    Un abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Beatris, sono ricordi indelebili che solo chi le ha vissuti può veramente capire. Che non ha letto la mia vita queste sono solo parole.
      Ciao e buon 25 aprile cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  11. Ciao Tomaso,
    tu avevi 15 anni ed io dieci, ma non dimenticherò mai tutte le sofferenze di quei mesi quasi sempre rinchiusi nelle cantine comei topi perchè essendo nella Linea Gotica i bombardamenti ed i cannoneggiamenti erano di tutti i giorni.
    E come fa una bambina com'ero io a dimenticare l'amichetto col quale aveva condiviso la prima comunione, sul letto, morto senza una gamba recisa da una scheggia, vestito con lo stesso vestitino alla marinaretto che la sua mamma gli aveva messo per la prima comunione? Si potranno mai dimenticare queste immagini?
    Noi siamo la memoria e dobbiamo trasmetterla a quelli che non hanno vissuto quello che abbiamo vissuto noi.
    Il giorno della liberazione, non avevamo più nulla, tutto perduto, ma avevamo la libertà che ci avevano trasmesso coloro che, nella resistenza, erano anche morti per ottenerla questa libertà. E allora teniamocela cara.
    Ti abbraccio e ti auguro buon giorno della Liberazione
    Bruna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Bruna solo chi a vissuto quei momenti può capire.
      Noi non avevamo i bombardamenti, ma vedevamo le fortezze volanti che passavano dirette sicuramente verso quei luoghidel fronte, noi eravamo sotto stretto controllo dei tedeschi e dai repubblicani della kdecima mass della repubblica di Salò che erano più cattivi dei tedeschi quasi ogni giorno quando prendevano un partigiano veniva torturato per sapere chi erano i oro compagni, lo massacravano di botte epoi lo appendevano ad un albero e li rimaneva anche per tre giorni. Se non hai letto il mio secendo eil terzo capitolo della mia vita, fallo li capirai il terrore ch abbamo passato.
      Non bisogna dimenticare tutto questo,veddere che tra padre i figli che non si potevano vederee si denunciavano l'odio tra fratelli, tutte cose jche speriamo non ritornino mai.
      Ciao e buon 25 aprile cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  12. ciaoo Tomaso..buon 25 aprile e spero che presto presto ti rimetterai dalla grande fatica dl trasloco. ciaoooo bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Carla, il trasloco é dmenticato, ora godiamo il nostro bellissimo appartamento che é molto più bello dell'altro.
      Ciao e buon 25 aprile anche a te cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  13. Caro Tomaso, hai scritto proprio bene, la fine di un incubo. Questo è stato il 25 aprile 1945. Dobbiamo continuare a ripeterlo. Affinchè non si cancelli mai dalla memoria cosa abbiamo vissuto noi in quelli anni 1940-1945. Un saluto speciale da Illario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Illario, ti ceri e avrai capito che non ho esagerato era un incubo.
      In quel periodo, lavoravo come garzone nel panificio Baldo a pieve, e tutte le notti alle 02,00 veniva da Sernaglia a Pieve, no potrò mai dimenticare una di quelle notti lungo il stradone che da Sernaglia porta a Pieve... Non mi allungo è stato troppo brutto.
      Ciao e buon 25 aprile caro amico.
      Tomaso

      Elimina
  14. Mai dimenticare!
    Salutoni e bentornato tra noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cavaliere, non dimentichiamo mai e facciamo in modo che le generazioni future sappiano tutto.
      Buon 25 aprile caro amica.
      Tomaso

      Elimina
  15. Sicuramente posso immaginare cos'hai passato Tommy ma non potrò mai capirlo...un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vara Betty, solo chi lo ha vissuto può capire come eravamo nel terrore continuo.
      Ciao e buon 25 aprile cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  16. Ti credo Tommaso, io conosco la storia perchè mia mamma me l'ha raccontata tante volte. Terrore delle bombe in qualsiasi momento e corse nei rifugi. Proprio in uno di questi mio fratello (mai conosciuto) allora di 8 mesi si è preso la polmonite ed è morto.
    Buona serata a te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Saray, solo che lo ha vissuto quel periodo può sapere quello che abbiamo passato, chi a sofferto i bombardamenti! chi a avuto molti problemi con gli invasori che volevano sapere delle cose della resistenza, e usavano tutti i mezzi possibili per far parlare quelli presi di mira. Oggi rimangono indelebili questi ricordi. Ciao e buon 25 aprile cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  17. CHE BEL GIOVANOTTO!
    E POI HAI VISTO LA LIBERAZIONE !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Arianna, prima è arrivata liberazione, poi dalla gioia sono cresciuto in fretta, in un anno 10 centimetri:) Buon 25 aprile cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  18. Ciao Tomaso, bentornato :) Un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Federica, il trasloco stressante è già passato e ora stiamo godendo per bene il nuovo appartamento, che è bello.
      Ciao e buon 25 aprile cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  19. Bentornato caro amico!
    Le parole che hai usato tu mi fa ulteriormente capire perchè mio papà (classe 1920) non volle MAI parlare del periodo che precedette il 25 Aprile del 45.
    Mi diceva solo che gli si riaprivano tante ferite, ricordando i compagni caduti, arrestati, torturati....

    Buona serata festiva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Leonardo, certi momenti passati di quel periodo è impossibile dimenticare.
      Oggi che si dovrebbe essere contenti! Di quella libertà conquistata con molte vittime non la sanno usare, e cercano l'impossibile.
      Ciao e buona giornata caro amoico.
      Tomaso

      Elimina
  20. Caro Tomaso la tua testimonianza è fondamentale per trasmettere ai posteri la storia che tu hai vissuto in prima persona .Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Amica, spero che le nuove generazioni non debbano mai provare quello che noi abbiamo vissuto.
      Ciao e buona giornata, e a presto.
      Tomaso

      Elimina
  21. io non ero ancora nata e nè mio padre nè mio nonno hanno voluto raccontare quel terribile periodo, ma sarà servito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Adriana, purtroppo oggi molti non sanno cosa vuol dire sacrifici e terrore di non sapere se domani ceri ancora.
      Credo che un po sia la colpa anche dell'instabilità della nostra politica, che nessuno più ci crede.
      Ciao e buona giornata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  22. Ciao Tomaso, la tua testimonianza è preziosa, tu quei momenti li hai vissuti e conosci il vero valore di questa festa...molti non se ne rendono conto!
    Buonanotte
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Carmen, la colpa non è solo sua ma le scuole che non hanno informato bene nelle scuole. Quello che abbiamo passato noi, solo chi lo ha vissuto lo sa!
      Ciao e buona giornata cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  23. Sono passata a rileggerti!
    I tuoi racconti portano indietro nel tempo......
    Un abbraccio e buona giornata!
    Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Beatris, fa molto piacere sentire che i miei racconti vissuti ti piacciono.
      Ciao e buona serata con un abbraccio.
      Tomaso

      Elimina
  24. Questa storia la conosco perchè letta nei libri.
    tu l'hai vissuta..
    Un abbraccio Tomaso..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mary, sicuramente i libri che raccontano questa immane tragedia, fanno venire la pelle d'oca, io che quel triste periodo l'ho vissuto, sicuramente non lo dimenticherò per il resto della mia vita.
      Ciao e buon pomeriggio cara amica.
      Tomaso

      Elimina
  25. Ciao Tommaso, passo di qua adesso..spero perdonerai il ritardo..in questo tuo breve post si legge tra le righe una vita trascorsa piena di momenti buoni e meno buoni..ma nel tuo raccontare trovo sempre positività e questo mi rallegra..
    Un abbraccio, Stefania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Stefania, non fa niente sei sei un po in ritardo, importante esserci.
      Quello che trovi nei miei racconti nonostante le grandi difficoltà non avevo mai perso la fiducia di un domani migliore, forse è stato questo che alla fine mi ha premiato.
      Ora padre e nonno felice mi sento arrivato!
      Ciao e ancora buon fine settimana, amica.
      Tomaso

      Elimina

Benvenuti qui cari amici e amiche, se poi volete lasciare anche solo un saluto, sarà sempre molto gradito.