calendario con data e orologio



Net-Parade

Migliori Siti

LETTORI FISSI

giovedì 10 febbraio 2011

LA MIA VITA CAPITOLO 11

CAPILOLO 11

Passarono i primi tre mesi il pancione di Danila cresceva sotto i miei occhi lei continuava ad andare a lavorare in fabbrica e si sentiva molto bene, in luglio nacque una bella bambina la abbiamo chiamata Manuela eravamo molto felici.

Il giorno del battesimo nella chiesa della missione cattolica italiana di Zurigo
Passati i primi giorni ci rendemmo conto che arrivarono i grossi problemi, noi non potevamo tenere in casa la nostra bambina fummo costretti come la maggior parte dei miei con-nazionali.
Di portare la bambina in una casa nido si andava a trovarla al sabato e alla domenica fu molto duro accettare questa situazione ma non cera altre soluzioni.
la domenica era una grande festa si andava trovare la nostra bambina
A Natale prendemmo una decisione, andammo in Italia a parlare con mia mamma per vedere come meglio avremmo potuto fare ha noi interessava che la bambina crescesse in una famiglia dove avrebbe potuto avere più affetto, perché abbiamo notato che nelle case nido questo non potevano darle così d’accordo con mia madre abbiamo portato la bambina in Italia mia madre era contenta di far crescere la nipotina, essendo già nonna de 4 nipotini solo maschi si dedicò con tanto affetto ha questa nipotina.
 un bel modo di fare toilette all'aperto dalla nonna in Italia
i suoi primi passi
In primavera del 1960 decisi di acquistare una vettura di occasione, una FIAT 600 per poter meglio  spostarsi ora aravamo in tre e la motociclette non bastava più.
La situazione di avere la bambina in Italia fu molto difficile accettare questa situazione al giorno durante il lavoro il tempo passava senza pensarci troppo ma alla notte era sempre più difficile.
Fui costretto a fare la patente di guida Svizzera perché la patente Italiana non era riconosciuta dalla legge svizzera mi e stato facile ottenerla anzi questo mi a dato l’occasione di un lavoro supplementare il maestro di guida che mi portò per fare gli esami mi fece una proposta molte allietante vedendo che io ero molto bravo ad apprendere tante cose mi disse che lui cercava un aiutante italiano per fare qualche ora di guida ai tanti italiani e spagnoli che lui non riusciva a preparare in tempo.
Fu così che dopo un po’ di preparazione dei documenti che lui aveva preparato iniziai, quasi tutte le sere dopo il lavoro della fabbrica facevo una ho due ore di scuola agli italiani e spagnole il sabato e pure la domenica, in più c'èrano anche le foto.
Dopo un paio di mesi mi resi conto che non potevo continuare con la 600 fiat cosi acquistai una 1100 fiat che era più adatta per quel lavoro tutto andava molto bene.
Passarono cosi circa 7 mesi poi prendemmo una decisione in svizzera abbiamo capito che c'èrano delle famiglie private che prendeva in custodia dei bambini durante tutta la settimana anche tutta la notte, siamo subito interessati per cercare non passò tanto tempo che abbiamo conosciuto una famiglia la signora era di origine italiana però nata in svizzera i suoi genitori erano di quelli venuti in Svizzera prima ancora della prima guerra mondiale avevano due maschi e desideravano tanto una bambina fu così che andammo in Italia a prendere la nostra bambina e affidammo a quella famiglia la portavamo alla domenica sera e si andava prenderla al venerdì sera.
Iniziò cosi un buon periodo. quella famiglia educò la bambina molto bene intanto che la bambina cresceva gli spiegavano che il suo papà e la sua mamma erano a lavorare e che sarebbero venuti sempre a prenderla passarono 5 anni e posso dire che siamo stai molto fortunati.
Un meraviglioso giorno mia moglie mi comunico che stava aspettando un bambino.
Questa bella notizia mi riempi di gioia e cosi iniziammo una attesa che ci fece capire che avremmo dovuto cambiare tante cose prima di tutto la Danila avrebbe dovuto lasciare il lavoro io non avrei mai accettato che anche il figlio che stava per arrivare lo avremmo affidato ad estranei.
La cosa ci favorì, il marito della signora che guardava la nostra bambina era un Perito chimico e lavorava in una fabbrica di colori, fu così che mi fece una proposta lui mi avrebbe fatto entrare in fabbrica come operaio per la fabbricazione di colori a dispersione che stavano completando il reparto, fu così  che tre mesi dopo iniziai il nuovo lavoro, molto bene pagato.
Continua.
Come vedete la fortuna mi sta assistendo.
Tomaso

33 commenti:

  1. Caro Tomaso,
    quanti sacrifici e che vita intensa, ma quante gioie e che bella famiglia hai.
    Sei una persona stupenda... hai dedicato tutta la tua vita alla famiglia e al lavoro senza concederti mai nulla solo per te.
    Un abbraccio a te e a tua moglie.
    Ti auguro una felice giornata

    RispondiElimina
  2. Deve essere stato proprio brutto dover affidare tua figlia prima a tua madre e poi ad un'altra famiglia...che tempi duri! però "vedo" un bagliore di speranza...attendo il seguito1
    baci baci

    RispondiElimina
  3. mamma mia quanti sacrifici
    e' stata dura
    ciao Tomaso
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  4. tutto molto tenero qui da te Tomaso.
    Mi raccomando...raccogli queti scritti per i tuoi nipoti.ciaoooo

    RispondiElimina
  5. Caro Tomaso, che dura la vita a volte! però a quanto pare tutto è andato per il meglio e adesso mentre ti godi i frutti dei tuoi sacrifici...racconti la tua vita passata. un abbraccio

    RispondiElimina
  6. La fortuna ti ha assistito perché ti meritavi che così fosse. Il tuo racconto è sempre più appassionante. Si legge con piacere. Alla prossima puntata allora e, per oggi , il mio abbraccio

    P.S. nella foto dove tua figlia fa toilette all'aperto, mi sono rivista io.. somiglia a me, quando avevo quell'età! per un attimo ho pensato: "Che ci fa una mia foto da Tomaso?"^__^

    RispondiElimina
  7. Questo post è l'incoronazione più bello del vostro amore
    un saluto caro

    RispondiElimina
  8. @Zicin un grazie del commento.
    @Elena non so come sdebitarmi.
    @Michele per fortuna ho la pelle dura
    @Carla è tutto pronto per i figli e nipoti.
    @Rita è bello che la posso raccontare
    @Paola che bello sentire quessto.
    @Gabe sicuro che la forza era di tutti due.
    Carissimi tutti ho voluto fare solo un commento per ringraziare di cuore sentire la vostra partecipazione a questi miei ricordi è la più bella cosa che avete fatto. Un abbraccio a tutti.
    Tomaso

    RispondiElimina
  9. Che bel capitolo, corredato con le foto della tua bella bambina ! Quanti sacrifici Tomaso, devi essere davvero orgoglioso e contento per tutto quello che hai fatto per amore della tua famiglia ! Ora ti godi meritatamente tutti i frutti :) un abbraccio e buona serata:)

    RispondiElimina
  10. Ciao Tomaso,che avventura la tua vita,a tratti mi sono anche commosso,la parte che avete affidato la figlia alla famiglia mi ha toccato il cuore,ma si capisce che è per giusti motivi,grazie per questo dono del raccontare la tua vita.
    Buona serata amico Tomaso.

    RispondiElimina
  11. Deve essere stato molto duro separarvi dalla vosta bambina, sia portandola in Italia, sia affidandola ad una famiglia estranea...
    Ma avete solo fatto tuto il meglio possibile per lei...
    Manuela è tenerissima in quelle foto!
    Un abbraccio!
    Dony

    RispondiElimina
  12. Cara Viola sai quando si è innamorati della vita e trovi l'anima gemella credo che non esistano ostacoli.
    poi con un po di fortuna viene il resto. Buona serata amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  13. Credimi Massimo, erano momenti difficili i nostri sacrifici che le leggi ci hanno obbligato ad accettare
    oggi abbiamo un premio di poterlo raccontare. Buona serata amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  14. Hanno già detto tutto.. ma voglio dirti che sei un GRANDE!!
    Bellissime le foto!!
    Bellissimo tutto!
    Ti abbraccio fortissimo!
    Sara

    RispondiElimina
  15. È stato molto difficile e doloroso, ma vedi il destino ci ha premiate quella bambina ci ha dato tanta soddisfazione, a studiato tanto si è laureata in economia con altissimi voti oggi si trova benissimo nella grande banca UBS.
    noi ne siamo veramente contenti e fieri, quello che volevamo è stato raggiunto. Buona serata cara Dony,
    Tomaso

    RispondiElimina
  16. Tomaso. Buon giorno.
    La vita è fatta di grandi sacrifici e vedo che tu per amore della famiglia non ti risparmiato , ma come vedo i risultati sono ottimi , come si dice : chi semina raccoglie.
    E oggi stati raccogliendo tutti il buono di ciò che hai seminato con grandi sacrifici .
    Buona giornata Lina

    RispondiElimina
  17. Ne sono consapevole cara Lina, chi semina raccoglie! Mi sento che il mio scopo della vita lo ho raggiunto.
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  18. Ieri Sera cara Stella sono stato nella scuola dove la mia nipote va a scuola.
    Siccome che ci seno qui da noi le vacanza di febbraio, cioè! "Winterferien" sport invernali. Gli alunni hanno fatto un piccolo saggio di ciò che hanno imparato, noi come nonni abbiamo potuto partecipare, è stata un'ora fantastica vede come si sono impegnati per fare bella figura...
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  19. Mi commuovo a leggere il racconto della tua vita, grazie ciao
    e un abbraccio a tutti voi

    RispondiElimina
  20. Buona serata Tomaso
    ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  21. Ti ringrazio cara Stefania, sa erano tempi difficili, a me non mi è mai mancato il coraggio di provare in tutti i modi per migliorare la mia esistenza e quella dalla mia famiglia..
    Fra un paio di giorni pubblicherò il capitolo 12 che è l'ultimo della serie. Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  22. Caro Michele è sempre gradita la tua visita. buona serara amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  23. Mi sono ritrovato passo per passo con voi, cari amici.

    RispondiElimina
  24. Un momento decisivo della tua vita,affrontato con decisione e raccontato con tenerezza.

    RispondiElimina
  25. Vedi caro Adriano, la vita in qualsiasi luogo del mondo richiede una tolleranza e rispetto di chi ti ospita, imparare a conoscerli bene te ne accorgerai che non sono peggiori di noi.
    Comunque io ho tenuto duro! oggi non sono pentito.
    Tomaso

    RispondiElimina
  26. Grazie caro Costantino di avermi capito perfettamente.
    Buon fine settimana.
    Tomaso

    RispondiElimina
  27. Che periodo duro... pieno di sacrifici... immagino il vostro cuore com'era gonfio di dolore nel non poter crescere la vostra bimba!!!
    Meno male che iniziò ad apparire un raggio di sole... e la fortuna avanzò!!!
    Ciao caro Tomaso un abbraccio affettuoso per augurarti un felice weekend... baciotti!!!

    RispondiElimina
  28. Grazie della visita, cara Paola.
    Buon fine settimana anche a te.
    Tomaso

    RispondiElimina
  29. Buona domenica Tomaso
    ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  30. Buona domenica pure a te caro Michele.
    Tomaso

    RispondiElimina
  31. Caro Tomaso,
    anche se io sono più giovane di te, ho un fratello più o meno della tua età (è del '29).
    Così, quando leggo le tue storie e guardo le immagini che pubblichi, faccio un tuffo all'indietro nel tempo e per un attimo anch'io ritorno ragazzo e mi sembra di essere in quelle vecchie foto con te. Bei tempi, gli anni '50!
    Anche se forse si era più poveri, ci si accontentava del poco che si aveva ed eravamo felici lo stesso.
    Li ricordo con nostalgia...
    Un abbraccio, Francesco

    RispondiElimina
  32. Caro Francesco hai toccato un tasto che ho molto piacere di rispondere.
    Non avevamo niente ma eravamo felici e contenti, e posso dire che si sorrideva senza sapere cose era la droga per fare le feste.
    Le nostre feste erano senza alcol e ci bastavo poco per essere felici.
    Buona serata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina

Benvenuti qui cari amici e amiche, se poi volete lasciare anche solo un saluto, sarà sempre molto gradito.