calendario con data e orologio



Net-Parade

Migliori Siti

LETTORI FISSI

lunedì 31 gennaio 2011

DOPO LA PARENTESI DEL MICIO ARRIVA IL CAPILO 5

 ECCO CARISSIMI AMICI E AMICHE IL RACCONTO CONTINUA

  i miei 16 anni.

La vita riprese con tanta speranza, io lasciai il lavoro del panificio, trovai nel mio paese stesso, un buon posto di garzone la mia esperienza era stata valutata, anche se ero ancora molto giovane, questo era un grande panificio con un forno moderno a vapore, veniva scaldato da un’altra parte con del carbone a sua volta scaldava delle valvole speciali che comprimeva il vapore e si iniettava il vapore dentro il forno, subito dopo con aria calda veniva assorbite le umidità, così potevamo cuocere una sfornata dietro l’altra, purtroppo anche qui dovevo lavorare alla notte, iniziavo alle ore 2,00 del mattino e terminavo verso le 13,00,
Alla sera dovevo preparare l’impasto principale per far lievitare poi il pane, il quale doveva riposare fino al mattino dove circa il 20 % veniva usato ogni impasto per il pane, ormai ero abbastanza esperto per questo lavoro la retribuzione non era tanto male nonostante la mia giovane età, la cosa più brutta era che il panificio non conosceva chiusure, cioè lavorava sempre, l’uniche feste che rimaneva chiuse erano 3 giorni in tutto l’anno, Natale, Capodanno, e Pasqua, le ferie non le potevo fare perché non c'erano sostituti, mi venivano pagate extra
Alla fine anno, ero contento lo stesso perché avevo un lavoro.

Nel 1947 si sposo la mia sorella maggiore, in fretta le cose si dimenticarono non c’era più la paura della sopravvivenza,
io sono quello nelle prima fila al centro

ricordo che desideravo tanto avere un orologio da polso,
Io come prendevo la mia paga la consegnavo tutta a mia madre, mio padre non terminava mai la stagione completa dato la sua già avanzata età non trovava sempre lavoro,
Per questo la mia paga era necessaria in casa, un giorni dissi a mia madre quando mi pagheranno le ferie, con quei soldi mi voglio prendere un orologio, la mamma risposi, vedremo, forse sarà possibile, però mi disse, prima portali a casa i soldi poi vedremo, arrivarono i soldi delle ferie, feci come mia madre mi avevo detto, tutto sembrava come aveva detto, cioè un giorno, si sarebbe andati dall’orefice, per comperare quel tanto desiderato orologio.
Qualche giorno dopo, ritornai a casa dopo il lavoro, mia madre mi chiamò, vieni che ti devo
Far vedere una cosa, io la seguii fino in camera, e mi disse ecco il tuo orologio, vidi un grande armadio, poi lei mi disse mi dispiace caro figlio, quel armadio era molto necessario,
I vestiti si rovinavano stando ammucchiati sulla sedia, così svanì questo mio desiderio,
io capii mia madre, lei era responsabile di fare in modo che i soldi bastassero.
Settembre 1948 gli dissi a mia madre, questa volta i soldi delle ferie non te li darò,
Mi guardò, con una sguardo severo, e mi disse, che cosa vuoi fare, questa volta?
Serio gli disse, ora che ho 18 anni voglio farmi la patente di guida, già dentro di me,
Pensavo al mio avvenire, non avrei fatto mai più un lavoro di dover lavorare di notte,
Andò molto bene in pochi mesi diedi l’esame di guida e anche teorico, fui promosso.
Sapevo che mi aspettava, il sevizio militare, giurai a me stesso che dopo il servizio, avrei cambiato, mestiere.

Alla fine del 1948, l’altra mia sorella di 24 anni scelse la via delle missioni, entrò in un convento per farsi suora, così la famiglia venne mancare anche quel piccolo contributo del suo lavoro in filanda, mia madre la prese un po’ male, ma lo dovette accettare.


Nel settembre 1948, dissi a mia madre: -Questa volta i soldi delle ferie non te li darò.
Mi guardò con uno sguardo severo e mi disse: - Che cosa vuoi fare, questa volta?
Serio le risposi: -Ora che ho 18 anni voglio farmi la patente di guida.
Già dentro di me pensavo al mio avvenire, non avrei fatto mai più un lavoro in cui si dovesse lavorare di notte.
Andò molto bene, in pochi mesi diedi l’esame di guida, anche quello teorico e fui promosso. Sapevo che mi aspettava il sevizio militare, giurai a me stesso che, una volta congedato, avrei cambiato mestiere.
CONTINUA

26 commenti:

  1. Se penso ai vizi e stravizi che oggi i genitori danno ai loro figli...
    Dovrebbero leggere tutti quanti i tuoi post.
    Eri davvero un bel ragazzo Tomaso!
    Un abbraccio!
    Dony

    RispondiElimina
  2. Cellulare,computer,Ipod,televisione, internet etc etc....faccio leggere il tuo post alle mie figlie,per imparare e capire cosa era la vita di un ragazzo tanto tempo fa!

    Ciao Tomaso!!!Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Sai dony erano altri tempi, eravamo poveri ma felici. Passata la paura della guerra era tutto più facile.
    Buona notte cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Sarà molto difficile caro Franz che i giovani di oggi capiscano come era la vita dei poveri in quei tempi.
    Era passata la guerra, per noi era già una bella vita.
    Solo la speranza che l'avvenire fosse più sereno.
    Buona notte caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Caro Tomaso,
    sei davvero molto bravo a raccontare... mi piacere leggerti e ritrovare quel periodo che mi raccontava mio padre.
    Certo erano altri tempi e si viveva più semplicemente, ma ogni cosa aveva un sapore diverso.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Ancora una volta ti ho letto con piacere.. che bella tua sorella! Buonanotte

    RispondiElimina
  7. Puoi dirlo forte cara Zicin, passato il pericolo della guerra, noi eravamo feci di poter sorridere alla vita.
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  8. Cara Paola sono contento di vederti anche qui. Hai detto bene, mia sorella era veramente una ragazza bellissima, anche oggi alla bellezza di 86 anni è una vecchietta sempre sorridente.
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  9. ciao Tomaso
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  10. Ciao pure a te caro Michele.
    Buona giornata.
    Tomaso

    RispondiElimina
  11. Leggo sempre con emozione i tuoi scritti... veri spaccati di vera vita!!
    Gli altri hanno scritto e non mi ripeto.. Sei un grande!

    RispondiElimina
  12. Grazie Sara della tua visita.
    Forse qualcuno dei giovani riderà leggendo questi racconti.
    Ma chi li ha vissuti li ricorda con serena tranquillità, perché lo so che ho sempre fatto il mio dovere.
    Buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  13. Ciao Tomaso bellissime le foto del tuo passato. Erano davvero altri tempi, non si riusciva a prendere un orologio perchè prima serviva il necessario... così diversi da oggi, abbiamo tanto da imparare da queste esperienze del passato, grazie come sempre per volercele narrare
    baci e buona giornata

    RispondiElimina
  14. Grazie Viola della tua presenza nel mio blog di ricordi.
    Un abbraccio infinito.
    Tomaso

    RispondiElimina
  15. Oggi nessuno potrebbe credere che veramente era cosi.
    Buona serata cara Archimede.
    Tomaso

    RispondiElimina
  16. Caro Tomaso, non hai mai pensato a pubblicare un libro?
    Andrebbe a ruba!
    Un forte abbraccio.

    P.S. Lo sai che sei il primo della lista dei miei commentatori?
    Grazie!!

    RispondiElimina
  17. Grazie Stella della tua vista, sono sorpreso so che mi dici che sono il primo della lista dei tuoi commentatori, forse è perché ti voglio molto bene.
    Penso che tu come ex insegnante mi capisci molto bene.
    Parlando di un libro, penso che per me sia una cosa troppo grande.
    Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  18. Sai zio dovresti scrivere un libro...sei bravissimo e poi è storia vera!! :)
    Ti abbraccio forte forte!! :)

    SMUAKK!!

    RispondiElimina
  19. Ciao nipote, non sei la sola che mi a suggerito di farlo ma io non ne sono all'altezza farlo, e poi penso che sia solo una cosa che lascerò hai miei figli e hai nipoti.
    Buona serata cara Pixia.
    Zio Tomaso

    RispondiElimina
  20. CHE BEL RAGAZZO!
    Bella questa tua parentisei personale.ciaooo

    RispondiElimina
  21. Buongiorno cara Carla, il tempo è volato in fretta, i ricordi romangono sempre.
    Credo che oggi metterò il prossimomo capitolo. Un caro saltuto.
    Tomaso

    RispondiElimina
  22. buona giornata Tomaso
    io ti voto sempre e non riesco a non visitare il tuo blog almeno una volta al giorno
    anche se a volte, per premura, non lascio un commento
    ormai e' una abitudine
    ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  23. Di questo mi fa molto piacere caro Michele. Come vedi anche io tutti i giorni mi faccio un giro per le visite quotidiane.
    Ora sto preparando il prossimo capitolo.
    Lo troverai sicuramente domani.
    Buona giornata. Tomaso

    RispondiElimina
  24. La tua é una lezione di storia e di vita, che sul serio andrebbe insegnata ai giovani d'oggi: ma forse non ne siamo più capaci. Sai, più o meno in quegli anni, anche mio padre lavorò per breve tempo in un forno; mio zio, invece, fece il panettiere per un lungo periodo. Quante coincidenze!

    RispondiElimina
  25. Vedi caro Adriano come bella è la vita.
    Troviamo delle coincidenze anche in questo, io ero panettiere e più garzone, alla notte facevo il pane, al mattino dopo le 9 erano i giri con una bicicletta da trasporto portavo il pane hai rivenditori dalla zona, terminavo verso le 12.00-13.00 circa.
    Buona serata caro amico.
    Tomaso

    RispondiElimina

Benvenuti qui cari amici e amiche, se poi volete lasciare anche solo un saluto, sarà sempre molto gradito.