calendario con data e orologio



Net-Parade

Migliori Siti

LETTORI FISSI

sabato 28 marzo 2009

NELL'INSONNIA HO PENSATO A UNA POESIA

Ricordando quel 24 gennaio 1957, oggi sposi
“Mi fermerò senza dubbio, stupito Se mai ci ritroveremo in una vita futura, nel cammino e alla luce d’un altro mondo lontano. Capirò che i tuoi occhi, simili alle stelle dell’alba, sono appartenuti a questo cielo notturno e dimenticato d’una vita passata. Si, comprenderò che la magia del tuo viso, è pronta ancora al balenare appassionato del mio sguardo, in un incontro immemorabile e che al mio amore tu devi un mistero di cui non conosci più l’origine”.

5 commenti:

  1. E', la tua, una poesia che sgorga dal cuore e sa di miracolo.
    Tocca le emozioni e davanti a un amore così bello, devo solo tacere, commossa...

    Grazie, caro Tomaso!
    Lara

    RispondiElimina
  2. Bella poesie,Tomaso! um abraccio,chica

    RispondiElimina
  3. @Lara ascolta, io ringrazio tutti voi che avete saputo svegliare in me quel desiderio di cercare le parole che tante volte rimangono chiuse dentro il mio cuore senza mai uscire.
    Grazie della tua gradita visita, Tomaso

    RispondiElimina
  4. @Chica è sempre un piacere vedere che trovi il tempo per passare da me.
    un sincero abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Questa poesia significa che i tuoi sentimenti sono vivi più che mai.

    Grazie caro Tomaso,per avercelo condiviso!

    Buona domenica.

    RispondiElimina

Benvenuti qui cari amici e amiche, se poi volete lasciare anche solo un saluto, sarà sempre molto gradito.